BBC Italianissimo Transcripts

Italianissimo was a beautiful TV series to learn Italian first broadcast on BBC
in 1992 and repeated regularly over the next 10 years
Episode 1 - Immagini

Buongiorno.
Buongiorno.
Ciao.
Ciao.
Buongiorno.
Ciao.
Ciao.
Buongiorno.
Buongiorno.
Ciao.
Buongiorno.
Buongiorno. Buongiorno.
Ciao.
Buongiorno.

Anna: Buongiorno. Io sono Anna Mazzotti. Hallo, I'm Anna Mazzotti and I'm here to bring you "Italianissimo", the BBC's new Italian course for beginners. This course will help you learn the language, and introduce the people, the culture and the life of modern Italy. One of the secrets of successful learning is building on what you know. And you'll find many sights and sounds of Italy are already familiar. Chianti. Spaghetti. Gorgonzola. Parmigiano. Fettuccine. Frascati. Gucci. Valentino. Alfa Romeo. Lancia. Fiat.

Various people: Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin.

Girl on beach: Ciao. Io sono Marilina.

Group shot on beach: Ciao. Io sono Giovanna. Ciao. Io sono Stefania. Ciao. Io sono Elisabetta.

Lady: Io sono Francesca.

Man: Io sono Walter Tagliaferri.

2 shot boy and girl on beach: Ciao. Piacere. Ciao. Piacere.

Man: Buongiorno. Io sono Cristiano.

Anna: To give you a sense of the extraordinary diversity of Italian life and culture, we are going to travel to places as far apart as the Alps, in Piemonte and Santa Maria di Leuca, right at the tip of the heel of Italy. Here, on the Adriatic coast, just outside Rimini, is Italy in miniature. L'Italia in miniatura. This is a chance to have a look at some of the places we'll visit in the series.

Anna: Un biglietto e una guida, per favore.

Commessa: Ecco il biglietto e la guida. Undicimila. (11000)

Anna: Grazie.

Commessa: Grazie.

Young man: Due biglietti e due guide.

Commessa: Ecco i biglietti e le guide. Ventiduemila (22000). Grazie

Young man: Buongiorno.

Young man with glasses: Buongiorno. Due biglietti e due guide, per favore.

Commessa: Ecco i biglietti, ecco le guide. Ventimila (20000). Grazie.

Anna: Questo è un monumento famoso. E' il Duomo di Firenze. Florence, birthplace of the poet Dante, father of the Italian language.

Young man with blue shirt: Questi sono i Trulli di Alberobello, in Puglia.

Anna: I Trulli. These conical houses are found only in Puglia, the most prosperous region of Southern Italy. Questo è un villaggio alpino. Sauze d'Oulx is a popular skiing resort in the Italian Alps, just a couple of hours away from Turin. Qui siamo a Bologna, in Emilia Romagna. Bologna is considered the gastronomic capital of Italy. In Italian, once you know how to say: "This is" or "It is", you could also ask a question. Don't change anything, except the intonation. Just raise you voice at the end of the sentence. E' la Basilica di San Pietro? E' la Basilica di San Pietro? E' il Colosseo? E' il Colosseo? It's surprising how little language you need to be able to buy what you want. Buongiorno.

Commessa: Buongiorno.

Anna: Queste cartoline.

Commessa: Sì. Va bene.

Anna: Questo è Portofino?

Commessa: No. Questo non è Portofino. E' San Fruttuoso.

Anna: Questo è Portofino?

Shop Assistant: No, questo non è Portofino. E' San Fruttuoso.

Gelataio: Buonasera.

Anna: Buonasera. Un gelato per favore.

Gelataio: Sì. Nel cono?

Anna: Sì, grazie. E…questo è cioccolato?

Gelataio: No, questo è cioccolato. Questo è cioccolato bianco.

Anna: Ah…Allora cioccolato e cocco.

Gelataio: Sì.

Anna: Grazie. Buonasera.

Gelataio: Buonasera.

Cameriere: Buongiorno.

Anna: Un cappuccino per favore.

Cameriere: Un cappuccino.

Young lady with curly hair: Un cappuccino per favore.

Anna: Grazie.

Cameriere: Prego.

Anna: Un cappuccino per favore.

Young lady with blue shirt: Buongiorno, un caffè per favore.

Anna: Un caffè per favore. Grazie. Un caffè per favore. Un'aranciata per favore.

Cameriere: Prego.

Anna: Un'aranciata per favore.

Cameriere: Prego.

Couple: Buonasera, una bottiglia di Chianti per favore.

Lady: E due bicchieri.

Man: Una bottiglia di Chianti.

Lady: E due bicchieri.

Anna: Regional diversity is very important in Italy, and it's reflected in many ways. Not just in customs and cuisine but in the language itself. Accents may vary but you can usually work out what's going on by watching. Look out for gestures and facial expressions. Italy is not just about holidays and sightseeing. Many people are learning Italian to live and work here. "Italianissimo" will help you talk about yourself, your interests and concerns, so that you can make everyday contact with Italians. John and Rebecca Bradshaw are doing just that. They moved from Peterborough to the rather different life of the large Italian city of Turin, where John has a two year contract as an accountant.

John: I moved here to Turin six months ago with my wife. We've got a flat here and I work here, I work here with an American company.

Rebecca: Socially, it was, it was very difficult for a start because we don't have, we didn't have any friends in Turin. We didn't know anybody, and the language is obviously a bit of a barrier. If you can't speak it fluently and you can't understand it that well, and it's…it's difficult to understand when people are speaking quickly.

John: I spent a month on a – one – to – one course, which gave me a basic grounding, from zero really, gave me a basic grounding in Italian, of the Italian grammar and a certain, certain amount of vocabulary and since then I've tried to do work in the evenings, with the grammar text, because obviously one month can only give you so much. And also I read the paper, I consciously make an effort to read the newspaper, to watch television sometimes and we see films.

Anna: Rebecca found it quite hard to adjust at first, till she found a friend who helped with her Italian as well as getting fit. These television programmes are part of the "Italianissimo" multi – media course. The books, cassettes or CDs are essential to get the most out of the programmes and they are all available by mail order. The number to ring is at the end of the programme. In the region of Umbria, virtually in the centre of Italy, Perugia is the most famous place in the Country, to learn Italian. Since 1921, l'Università per Stranieri has built an unrivalled reputation as a centre for excellence in teaching Italian to foreigners. Professoressa Cristina Fazi teaches Italian to British students and knows the sort of problems they encounter. I asked her what makes Italian so attractive to foreigners?

Cristina: Secondo la mia esperienza l'attrattiva della lingua italiana per gli stranieri è più che altro rivolta al…allo studio della…della cultura e della storia dell'arte. Cioè, voglio dire che gli stranieri, attraverso la conoscenza della lingua italiana, si avvicinano allo studio dell'arte, della cultura e della storia che è certamente un aspetto molto importante per loro.

Anna: La lingua italiana parlata è comunque una conquista recente.

Cristina: Non recentissima, ma abbastanza recente. Dobbiamo risalire all'unificazione dell'Italia. In fondo l'Italia unita non è così lontana e distante. Quindi esistono dialetti regionali, forme tipiche delle varie regioni. Però, ecco, l'italiano standard viene parlato dall'ottanta per cento (80%) della popolazione.

Anna: Secondo lei, quali sono le difficoltà principali che incontrano gli inglesi nello studio della lingua italiana?

Cristina: Gli inglesi non, non incontrano molte difficoltà per l'aspetto fonetico della lingua. Cioè riescono a pronunciare quasi perfettamente la…la totalità dei suoni italiani. Qualche piccola difficoltà la incontrano nella pronuncia della consonante doppia. Faccio l'esempio: pronunciare "rosa" o "rossa". Questa doppia consonante per loro qualche volta è difficile. Ma si può superare con la pratica della lingua, certamente.

Anna: Quale consiglio potrebbe dare a chi studia l'italiano?

Cristina: Mah, il consiglio è quello di…venire, di venire in Italia, di…di…di…parlare con gli italiani, di…di apprezzare la…la lingua che è certamente una lingua calda, emotiva, affascinante per certi aspetti, e di praticarla il più possibile. Quindi direi di venire in Italia e…sbagliare, qualche volta, ma imparare alla fine!

Anna: In Italian you can end as you began: "ciao" and "buongiorno" are also ways of saying goodbye, but listen to the different intonation: Ciao. Buongiorno. Or you can always say: arrivederci!

Various people: Arrivederci signora eh. Arrivederci. Arrivederci. Arrivederci. Bye-bye. Arrivederci. Arrivederci.
Episode 2 - In famiglia e fra amici

Anna: The Castelli Romani area, just 30 km from Rome, takes its name from the many castles "castelli" and splendid renaissance villas nestling in the woods and the olive groves, with magnificent views over Rome from the hilltops. Writers and poets like Byron and Goethe praised the region for its beauty, but it's most famous now for the wines of its fruitful vineyards: "Colli Albani", "Marino" and perhaps best known of all, the wine made here in Frascati. The town of Frascati is 18 kilometres from Rome – people often come here for a day out. Some people move her permanently and during the October grape harvest they organise gatherings for family and friends.

Valentino: Tesoro, dove sono le bottiglie di vino?

Valentina: Sono qui.

Rossella: E qui cosa c'è?

Valentina: C'è il pane.

Rosella: La pasta dov'è, Valentina?

Valentina: E' qui. Ecco la pasta.

Rossella: Grazie.

Valentina: Prego.

Valentino: Cos'è questo?

Rossella: E' il caffè, Valentino.

Valentino: Allora c'è tutto – possiamo andare.

Valentina: Andiamo.

Valentino: Tesoro, dove sono le bottiglie di vino?

Valentina: Sono qui.

Valentino: Tesoro, dove sono le bottiglie di vino?

Valentina: Sono qui.

Rossella: La pasta dov'è?

Valentina: E' qui. Ecco la pasta.

Rossella: La pasta dov'è?
Valentina: E' qui. Ecco la pasta.

Anna: Valentino, his wife Valentina and their young friend Rossella make sure they pack plenty of food and drink. They've arranged to meet the others at Valentino's vineyard a few kilometers from his villa.

[Man (aside): Guarda che classe eh.]

Anna: Many Italians have their own small family vineyard handed down through the generations. Valentino Muratori, who works as a financial adviser, "un commercialista" relies on his friends to help him with the autumn grape harvest. They usually meet early in the morning, on the first Sunday in October, to pick the grapes and enjoy a feast in the country. Buongiorno, signor Muratori.

Valentino: Buongiorno, Anna.

Anna: C'è molto lavoro, oggi?

Valentino: Sì, moltissimo.

Anna: Ah…e Sua moglie dov'è?
Valentino: Mia moglie è là.

Anna: Ciao.

Daniela: Ciao.

Anna: Io mi chiamo Anna. Tu come ti chiami?

Daniela: Io mi chiamo Daniela.

Anna: E lei chi è?

Daniela: Questa è mia sorella.

Anna: Ciao. Tu come ti chiami?

Rosanna: Mi chiamo Rosanna.

Anna: Lei come si chiama?

Cristina: Io mi chiamo Cristina. E lei è Diana, una mia amica.

Diana: Piacere.

Anna: Ciao.

Eleonora: Ciao.

Anna: Tu come ti chiami?

Eleonora: Mi chiamo Eleonora.

Anna: E lei chi è?

Eleonora: Lei è mia cugina.

Anna: E tu come ti chiami?

Caterina: Mi chiamo Caterina.

Anna: A few hours picking grapes leave you ready for a spot of relaxation – with traditional Italian songs thrown in.

Chorus: Tanto pe cantà, perchè me sento un friccico nel core, tanto pe sognà…Chi è stonato si astenga…perchè…

Anna: Don't bother trying to understand this one – it's in Roman dialect!

Chorus:…fiore di lillà che mi riporti verso il primo amore, che sospirava alle canzoni mie e me rintontiva de bugie. Tanto pe cantà, perchè me sento un friccico…

Anna: One of the highlights of the day is of course lunch – il pranzo – indoors because of the bad weather, but no less welcome for that, after a morning's work. I asked some of the people there "what are you eating"? Cosa mangi?

[People (aside): Forza. E' buona, è buona. Il piatto. Non fare complimenti.]

Lady 1: Mangio pane e formaggio.

Anna: Cosa mangi?

Lady 1: Mangio pane e formaggio.

Anna: Signora, cosa mangia?
Lady 2: Mangio torta di cioccolato e torta di crema.

Anna: Signora, cosa mangia?

Lady 2: Mangio torta di cioccolato e torta di crema.

Anna: What about the drink – cosa beve? Cosa beve?

Lady 3: Bevo acqua.

Anna: Signor Antonio, cosa beve?

Antonio: Bevo vino. Salute.

Anna: Cosa beve?

Man 1: Bevo caffè.

Anna: Continuo a mangiare eh…ah, perfetto! For people like Valentino, and his family and friends, grape harvesting is a hobby.

Chorus: e me rincoglioniva de bugie.

Anna: But for others in the Frascati area, it's a serious business. Frascati, a direct descendant of the wine of Tusculum, widely praised in roman times, became in 1966 the first of the Castelli Romani area to be awarded DOC status. Denominazione di Origine Controllata – that is name and origin controlled. Frascati is the most widely produced of the local DOC wines. Around twenty million liters are sold each year and more than two thousand local firms are involved in its production. Cantine San Marco is one of the oldest. Groups of primary school children and their teachers often tour the factory to learn about winemaking. Buongiorno.

Teacher: Buongiorno.

Anna: Lei come si chiama?

Teacher: Eh…Io mi chiamo Pina e sono una maestra.

Anna: Quanti bambini!

Teacher: Eh, sì, tanti!

Anna: Ciao.

Laura e Sasha: Ciao. Ciao.

Anna: Come ti chiami?

Laura: Mi chiamo Laura e lei è una mia amica, Sasha.

Anna: Sasha, perchè siete qui?

Sasha: Perchè visitiamo la fabbrica del vino.

Anna: Ciao.

Lorenzo: Ciao.

Anna: Bevi vino?

Lorenzo: Sì, un po' con l'acqua.

Anna: E come ti chiami?

Lorenzo: Mi chiamo Lorenzo e questa è la mia maestra.

Anna: Signora, Lei come si chiama?

Teacher: Mi chiamo Maria.

Anna: E beve vino?

Teacher: Sì, qualche volta.

Anna: Cantine San Marco is run by the two owners – i proprietari – they oversee a whole string of processes between the arrival of the grapes and the packaging of the bottled wine.

Anna: Buongiorno.

Sig. Notarnicola: Buongiorno a Lei.

Anna: Lei come si chiama?

Sig. Notarnicola: Umberto Notarnicola e sono il proprietario delle Cantine San Marco.

Anna: Che tipo di vino produce questa azienda?

Sig. Notarnicola: Questa azienda produce un vino bianco, e si chiama Frascati DOC.

Anna: E questa macchina?

Sig. Notarnicola: Questa macchina pigia l'uva. Questa macchina pigia l'uva.

Young man: Avanti! Piano. Alt! Alt!

Anna: The factory has its own machine for washing and sterilizing bottles ready for the bottling of the wine. Lei come si chiama?

Sig. Violo: Mi chiamo Bruno Violo e sono anche io un proprietario di questa azienda vinicola.

Anna: Questa macchina lava le bottiglie?

Sig. Violo: Sì, questa macchina lava le bottiglie e poi con un'altra macchina mettiamo il vino in bottiglia. Questa macchina lava le bottiglie e poi con un'altra macchina mettiamo il vino in bottiglia.

Anna: Signor Notarnicola e questa macchina?

Sig. Notarnicola: Con questa macchina incolliamo l'etichetta e questa è la bottiglia pronta.

Anna: E questo?

Sig. Notarnicola: E' il prodotto pronto per la vendita. Con questa macchina incolliamo l'etichetta e questa è la bottiglia pronta!

Anna: In the nearby town of Marino, the grape harvest is celebrated with a three-day long wine festival – la sagra del vino. It's a grand gathering where local people parade in traditional Renaissance costumes.

Anna: Che cosa porta?

Girl: Porto un costume tradizionale e rappresenta l'arte dei mercanti. Porto un costume tradizionale e rappresenta l'arte dei mercanti.

Silvia's mum: Questa è Silvia.

Anna: Ciao Silvia!

Silvia: Ciao.

Anna: Che cosa porti?

Silvia: Un costume tradizionale di Marino, bianco e nero con la gonna a fiori.

Anna: Grazie. Cosa porta?

Man: Porto il vestito verde dell'arte dei vascellari.

Anna: Che cosa porta?

Man: Porto un costume rinascimentale, rosso e giallo.

Anna: The highlight of the wine festival that takes place at the Castelli Romani is the miracle of the fountain of Marino. After a parade of traditional costume and music, wine miraculously starts flowing from the fountain and there you are…il miracolo della fontana di Marino! Buonasera.

Stefano: Buonasera!

Anna: Lei come si chiama?

Stefano: Stefano Bucciarelli e questa è mia moglie.

Anna: Piacere.

Wife: Piacere.

Anna: Lei come si chiama?

Wife: Io mi chiamo Stefania Pizzuti e questa è mia figlia.

Anna: Ciao!

Valentina: Ciao!

Anna: Come ti chiami?

Valentina: Valentina.

Anna: E cosa mangi?

Valentina: Gelato.

Anna: Wine festivals happen right across Italy; in each area they're regarded as something special: an indication of the importance of wine to local communities, which far exceeds that of being merely a mealtime drink.