BBC Italianissimo

Italianissimo was a beautiful TV series to learn Italian first broadcast on BBC
in 1992 and repeated regularly over the next 10 years
Episode 1 - Immagini

Watch the episode

Buongiorno.
Buongiorno.
Ciao.
Ciao.
Buongiorno.
Ciao.
Ciao.
Buongiorno.
Buongiorno.
Ciao.
Buongiorno.
Buongiorno. Buongiorno.
Ciao.
Buongiorno.

Anna: Buongiorno. Io sono Anna Mazzotti. Hallo, I'm Anna Mazzotti and I'm here to bring you "Italianissimo", the BBC's new Italian course for beginners. This course will help you learn the language, and introduce the people, the culture and the life of modern Italy. One of the secrets of successful learning is building on what you know. And you'll find many sights and sounds of Italy are already familiar. Chianti. Spaghetti. Gorgonzola. Parmigiano. Fettuccine. Frascati. Gucci. Valentino. Alfa Romeo. Lancia. Fiat.

Various people: Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin cin. Cin.

Girl on beach: Ciao. Io sono Marilina.

Group shot on beach: Ciao. Io sono Giovanna. Ciao. Io sono Stefania. Ciao. Io sono Elisabetta.

Lady: Io sono Francesca.

Man: Io sono Walter Tagliaferri.

2 shot boy and girl on beach: Ciao. Piacere. Ciao. Piacere.

Man: Buongiorno. Io sono Cristiano.

Anna: To give you a sense of the extraordinary diversity of Italian life and culture, we are going to travel to places as far apart as the Alps, in Piemonte and Santa Maria di Leuca, right at the tip of the heel of Italy. Here, on the Adriatic coast, just outside Rimini, is Italy in miniature. L'Italia in miniatura. This is a chance to have a look at some of the places we'll visit in the series.

Anna: Un biglietto e una guida, per favore.

Commessa: Ecco il biglietto e la guida. Undicimila. (11000)

Anna: Grazie.

Commessa: Grazie.

Young man: Due biglietti e due guide.

Commessa: Ecco i biglietti e le guide. Ventiduemila (22000). Grazie

Young man: Buongiorno.

Young man with glasses: Buongiorno. Due biglietti e due guide, per favore.

Commessa: Ecco i biglietti, ecco le guide. Ventimila (20000). Grazie.

Anna: Questo è un monumento famoso. E' il Duomo di Firenze. Florence, birthplace of the poet Dante, father of the Italian language.

Young man with blue shirt: Questi sono i Trulli di Alberobello, in Puglia.

Anna: I Trulli. These conical houses are found only in Puglia, the most prosperous region of Southern Italy. Questo è un villaggio alpino. Sauze d'Oulx is a popular skiing resort in the Italian Alps, just a couple of hours away from Turin. Qui siamo a Bologna, in Emilia Romagna. Bologna is considered the gastronomic capital of Italy. In Italian, once you know how to say: "This is" or "It is", you could also ask a question. Don't change anything, except the intonation. Just raise you voice at the end of the sentence. E' la Basilica di San Pietro? E' la Basilica di San Pietro? E' il Colosseo? E' il Colosseo? It's surprising how little language you need to be able to buy what you want. Buongiorno.

Commessa: Buongiorno.

Anna: Queste cartoline.

Commessa: Sì. Va bene.

Anna: Questo è Portofino?

Commessa: No. Questo non è Portofino. E' San Fruttuoso.

Anna: Questo è Portofino?

Shop Assistant: No, questo non è Portofino. E' San Fruttuoso.

Gelataio: Buonasera.

Anna: Buonasera. Un gelato per favore.

Gelataio: Sì. Nel cono?

Anna: Sì, grazie. E…questo è cioccolato?

Gelataio: No, questo è cioccolato. Questo è cioccolato bianco.

Anna: Ah…Allora cioccolato e cocco.

Gelataio: Sì.

Anna: Grazie. Buonasera.

Gelataio: Buonasera.

Cameriere: Buongiorno.

Anna: Un cappuccino per favore.

Cameriere: Un cappuccino.

Young lady with curly hair: Un cappuccino per favore.

Anna: Grazie.

Cameriere: Prego.

Anna: Un cappuccino per favore.

Young lady with blue shirt: Buongiorno, un caffè per favore.

Anna: Un caffè per favore. Grazie. Un caffè per favore. Un'aranciata per favore.

Cameriere: Prego.

Anna: Un'aranciata per favore.

Cameriere: Prego.

Couple: Buonasera, una bottiglia di Chianti per favore.

Lady: E due bicchieri.

Man: Una bottiglia di Chianti.

Lady: E due bicchieri.

Anna: Regional diversity is very important in Italy, and it's reflected in many ways. Not just in customs and cuisine but in the language itself. Accents may vary but you can usually work out what's going on by watching. Look out for gestures and facial expressions. Italy is not just about holidays and sightseeing. Many people are learning Italian to live and work here. "Italianissimo" will help you talk about yourself, your interests and concerns, so that you can make everyday contact with Italians. John and Rebecca Bradshaw are doing just that. They moved from Peterborough to the rather different life of the large Italian city of Turin, where John has a two year contract as an accountant.

John: I moved here to Turin six months ago with my wife. We've got a flat here and I work here, I work here with an American company.

Rebecca: Socially, it was, it was very difficult for a start because we don't have, we didn't have any friends in Turin. We didn't know anybody, and the language is obviously a bit of a barrier. If you can't speak it fluently and you can't understand it that well, and it's…it's difficult to understand when people are speaking quickly.

John: I spent a month on a – one – to – one course, which gave me a basic grounding, from zero really, gave me a basic grounding in Italian, of the Italian grammar and a certain, certain amount of vocabulary and since then I've tried to do work in the evenings, with the grammar text, because obviously one month can only give you so much. And also I read the paper, I consciously make an effort to read the newspaper, to watch television sometimes and we see films.

Anna: Rebecca found it quite hard to adjust at first, till she found a friend who helped with her Italian as well as getting fit. These television programmes are part of the "Italianissimo" multi – media course. The books, cassettes or CDs are essential to get the most out of the programmes and they are all available by mail order. The number to ring is at the end of the programme. In the region of Umbria, virtually in the centre of Italy, Perugia is the most famous place in the Country, to learn Italian. Since 1921, l'Università per Stranieri has built an unrivalled reputation as a centre for excellence in teaching Italian to foreigners. Professoressa Cristina Fazi teaches Italian to British students and knows the sort of problems they encounter. I asked her what makes Italian so attractive to foreigners?

Cristina: Secondo la mia esperienza l'attrattiva della lingua italiana per gli stranieri è più che altro rivolta al…allo studio della…della cultura e della storia dell'arte. Cioè, voglio dire che gli stranieri, attraverso la conoscenza della lingua italiana, si avvicinano allo studio dell'arte, della cultura e della storia che è certamente un aspetto molto importante per loro.

Anna: La lingua italiana parlata è comunque una conquista recente.

Cristina: Non recentissima, ma abbastanza recente. Dobbiamo risalire all'unificazione dell'Italia. In fondo l'Italia unita non è così lontana e distante. Quindi esistono dialetti regionali, forme tipiche delle varie regioni. Però, ecco, l'italiano standard viene parlato dall'ottanta per cento (80%) della popolazione.

Anna: Secondo lei, quali sono le difficoltà principali che incontrano gli inglesi nello studio della lingua italiana?

Cristina: Gli inglesi non, non incontrano molte difficoltà per l'aspetto fonetico della lingua. Cioè riescono a pronunciare quasi perfettamente la…la totalità dei suoni italiani. Qualche piccola difficoltà la incontrano nella pronuncia della consonante doppia. Faccio l'esempio: pronunciare "rosa" o "rossa". Questa doppia consonante per loro qualche volta è difficile. Ma si può superare con la pratica della lingua, certamente.

Anna: Quale consiglio potrebbe dare a chi studia l'italiano?

Cristina: Mah, il consiglio è quello di…venire, di venire in Italia, di…di…di…parlare con gli italiani, di…di apprezzare la…la lingua che è certamente una lingua calda, emotiva, affascinante per certi aspetti, e di praticarla il più possibile. Quindi direi di venire in Italia e…sbagliare, qualche volta, ma imparare alla fine!

Anna: In Italian you can end as you began: "ciao" and "buongiorno" are also ways of saying goodbye, but listen to the different intonation: Ciao. Buongiorno. Or you can always say: arrivederci!

Various people: Arrivederci signora eh. Arrivederci. Arrivederci. Arrivederci. Bye-bye. Arrivederci. Arrivederci.
Episode 2 - In famiglia e fra amici

Watch the episode

Anna: The Castelli Romani area, just 30 km from Rome, takes its name from the many castles "castelli" and splendid renaissance villas nestling in the woods and the olive groves, with magnificent views over Rome from the hilltops. Writers and poets like Byron and Goethe praised the region for its beauty, but it's most famous now for the wines of its fruitful vineyards: "Colli Albani", "Marino" and perhaps best known of all, the wine made here in Frascati. The town of Frascati is 18 kilometres from Rome – people often come here for a day out. Some people move her permanently and during the October grape harvest they organise gatherings for family and friends.

Valentino: Tesoro, dove sono le bottiglie di vino?

Valentina: Sono qui.

Rossella: E qui cosa c'è?

Valentina: C'è il pane.

Rosella: La pasta dov'è, Valentina?

Valentina: E' qui. Ecco la pasta.

Rossella: Grazie.

Valentina: Prego.

Valentino: Cos'è questo?

Rossella: E' il caffè, Valentino.

Valentino: Allora c'è tutto – possiamo andare.

Valentina: Andiamo.

Valentino: Tesoro, dove sono le bottiglie di vino?

Valentina: Sono qui.

Valentino: Tesoro, dove sono le bottiglie di vino?

Valentina: Sono qui.

Rossella: La pasta dov'è?

Valentina: E' qui. Ecco la pasta.

Rossella: La pasta dov'è?
Valentina: E' qui. Ecco la pasta.

Anna: Valentino, his wife Valentina and their young friend Rossella make sure they pack plenty of food and drink. They've arranged to meet the others at Valentino's vineyard a few kilometers from his villa.

[Man (aside): Guarda che classe eh.]

Anna: Many Italians have their own small family vineyard handed down through the generations. Valentino Muratori, who works as a financial adviser, "un commercialista" relies on his friends to help him with the autumn grape harvest. They usually meet early in the morning, on the first Sunday in October, to pick the grapes and enjoy a feast in the country. Buongiorno, signor Muratori.

Valentino: Buongiorno, Anna.

Anna: C'è molto lavoro, oggi?

Valentino: Sì, moltissimo.

Anna: Ah…e Sua moglie dov'è?
Valentino: Mia moglie è là.

Anna: Ciao.

Daniela: Ciao.

Anna: Io mi chiamo Anna. Tu come ti chiami?

Daniela: Io mi chiamo Daniela.

Anna: E lei chi è?

Daniela: Questa è mia sorella.

Anna: Ciao. Tu come ti chiami?

Rosanna: Mi chiamo Rosanna.

Anna: Lei come si chiama?

Cristina: Io mi chiamo Cristina. E lei è Diana, una mia amica.

Diana: Piacere.

Anna: Ciao.

Eleonora: Ciao.

Anna: Tu come ti chiami?

Eleonora: Mi chiamo Eleonora.

Anna: E lei chi è?

Eleonora: Lei è mia cugina.

Anna: E tu come ti chiami?

Caterina: Mi chiamo Caterina.

Anna: A few hours picking grapes leave you ready for a spot of relaxation – with traditional Italian songs thrown in.

Chorus: Tanto pe cantà, perchè me sento un friccico nel core, tanto pe sognà…Chi è stonato si astenga…perchè…

Anna: Don't bother trying to understand this one – it's in Roman dialect!

Chorus:…fiore di lillà che mi riporti verso il primo amore, che sospirava alle canzoni mie e me rintontiva de bugie. Tanto pe cantà, perchè me sento un friccico…

Anna: One of the highlights of the day is of course lunch – il pranzo – indoors because of the bad weather, but no less welcome for that, after a morning's work. I asked some of the people there "what are you eating"? Cosa mangi?

[People (aside): Forza. E' buona, è buona. Il piatto. Non fare complimenti.]

Lady 1: Mangio pane e formaggio.

Anna: Cosa mangi?

Lady 1: Mangio pane e formaggio.

Anna: Signora, cosa mangia?
Lady 2: Mangio torta di cioccolato e torta di crema.

Anna: Signora, cosa mangia?

Lady 2: Mangio torta di cioccolato e torta di crema.

Anna: What about the drink – cosa beve? Cosa beve?

Lady 3: Bevo acqua.

Anna: Signor Antonio, cosa beve?

Antonio: Bevo vino. Salute.

Anna: Cosa beve?

Man 1: Bevo caffè.

Anna: Continuo a mangiare eh…ah, perfetto! For people like Valentino, and his family and friends, grape harvesting is a hobby.

Chorus: e me rincoglioniva de bugie.

Anna: But for others in the Frascati area, it's a serious business. Frascati, a direct descendant of the wine of Tusculum, widely praised in roman times, became in 1966 the first of the Castelli Romani area to be awarded DOC status. Denominazione di Origine Controllata – that is name and origin controlled. Frascati is the most widely produced of the local DOC wines. Around twenty million liters are sold each year and more than two thousand local firms are involved in its production. Cantine San Marco is one of the oldest. Groups of primary school children and their teachers often tour the factory to learn about winemaking. Buongiorno.

Teacher: Buongiorno.

Anna: Lei come si chiama?

Teacher: Eh…Io mi chiamo Pina e sono una maestra.

Anna: Quanti bambini!

Teacher: Eh, sì, tanti!

Anna: Ciao.

Laura e Sasha: Ciao. Ciao.

Anna: Come ti chiami?

Laura: Mi chiamo Laura e lei è una mia amica, Sasha.

Anna: Sasha, perchè siete qui?

Sasha: Perchè visitiamo la fabbrica del vino.

Anna: Ciao.

Lorenzo: Ciao.

Anna: Bevi vino?

Lorenzo: Sì, un po' con l'acqua.

Anna: E come ti chiami?

Lorenzo: Mi chiamo Lorenzo e questa è la mia maestra.

Anna: Signora, Lei come si chiama?

Teacher: Mi chiamo Maria.

Anna: E beve vino?

Teacher: Sì, qualche volta.

Anna: Cantine San Marco is run by the two owners – i proprietari – they oversee a whole string of processes between the arrival of the grapes and the packaging of the bottled wine.

Anna: Buongiorno.

Sig. Notarnicola: Buongiorno a Lei.

Anna: Lei come si chiama?

Sig. Notarnicola: Umberto Notarnicola e sono il proprietario delle Cantine San Marco.

Anna: Che tipo di vino produce questa azienda?

Sig. Notarnicola: Questa azienda produce un vino bianco, e si chiama Frascati DOC.

Anna: E questa macchina?

Sig. Notarnicola: Questa macchina pigia l'uva. Questa macchina pigia l'uva.

Young man: Avanti! Piano. Alt! Alt!

Anna: The factory has its own machine for washing and sterilizing bottles ready for the bottling of the wine. Lei come si chiama?

Sig. Violo: Mi chiamo Bruno Violo e sono anche io un proprietario di questa azienda vinicola.

Anna: Questa macchina lava le bottiglie?

Sig. Violo: Sì, questa macchina lava le bottiglie e poi con un'altra macchina mettiamo il vino in bottiglia. Questa macchina lava le bottiglie e poi con un'altra macchina mettiamo il vino in bottiglia.

Anna: Signor Notarnicola e questa macchina?

Sig. Notarnicola: Con questa macchina incolliamo l'etichetta e questa è la bottiglia pronta.

Anna: E questo?

Sig. Notarnicola: E' il prodotto pronto per la vendita. Con questa macchina incolliamo l'etichetta e questa è la bottiglia pronta!

Anna: In the nearby town of Marino, the grape harvest is celebrated with a three-day long wine festival – la sagra del vino. It's a grand gathering where local people parade in traditional Renaissance costumes.

Anna: Che cosa porta?

Girl: Porto un costume tradizionale e rappresenta l'arte dei mercanti. Porto un costume tradizionale e rappresenta l'arte dei mercanti.

Silvia's mum: Questa è Silvia.

Anna: Ciao Silvia!

Silvia: Ciao.

Anna: Che cosa porti?

Silvia: Un costume tradizionale di Marino, bianco e nero con la gonna a fiori.

Anna: Grazie. Cosa porta?

Man: Porto il vestito verde dell'arte dei vascellari.

Anna: Che cosa porta?

Man: Porto un costume rinascimentale, rosso e giallo.

Anna: The highlight of the wine festival that takes place at the Castelli Romani is the miracle of the fountain of Marino. After a parade of traditional costume and music, wine miraculously starts flowing from the fountain and there you are…il miracolo della fontana di Marino! Buonasera.

Stefano: Buonasera!

Anna: Lei come si chiama?

Stefano: Stefano Bucciarelli e questa è mia moglie.

Anna: Piacere.

Wife: Piacere.

Anna: Lei come si chiama?

Wife: Io mi chiamo Stefania Pizzuti e questa è mia figlia.

Anna: Ciao!

Valentina: Ciao!

Anna: Come ti chiami?

Valentina: Valentina.

Anna: E cosa mangi?

Valentina: Gelato.

Anna: Wine festivals happen right across Italy; in each area they're regarded as something special: an indication of the importance of wine to local communities, which far exceeds that of being merely a mealtime drink.
Episode 3 - Tempo libero

Watch the episode

Anna: Liguria is the Italian riviera stretching from the French border to Genoa and down to Tuscany with some of the best weather and most inviting resorts in Italy. This elegant town – Bordighera – attracts people from all over Italy and abroad and was particularly popular with the wealthy British in the last century. Many old style hotels have British names and there's a flourishing Anglo – Ligurian Club. Signora, Anna Mazzotti.

Miriam: Piacere.

Anna: Molto piacere.

Miriam: Le presento Barbara.

Barbara: Piacere.

Anna: Piacere mio.

Barbara: Benvenuti a Bordighera!

Anna: Molto piacere. Signora, piacere, sono Anna Mazzotti.

Carla: Piacere, io sono Carla Pira, insegno inglese qui in Liguria. Queste sono le mie alunne e questa è mia figlia…

Anna: Ciao.

Bianca: Ciao.

Anna: Come ti chiami?

Bianca: Io mi chiamo Bianca.

Anna: E quanti anni hai?

Bianca: Ho otto anni.

Anna: Come ti chiami?

Angela: Io mi chiamo Angela.

Anna: E di dove sei?

Angela: Sono di Imperia.

Anna: Da quanto tempo studi l'inglese?

Angela: Studio inglese da otto anni con la mia professoressa.

Anna: Come ti chiami?

Chiara: Mi chiamo Chiara.

Anna: Chiara, hai fratelli?

Chiara: Sì, ho un fratello.

Anna: Sei qui con la tua famiglia?

Chiara: No, non sono qui con la mia famiglia ma sono qui con la mia professoressa d'inglese.

Anna: The weather here is just wonderful. Never too cold in the winter or too hot in the summer. The ideal climate to enjoy your – tempo libero -. At Portosole in Sanremo I met the captain of an expensive looking yacht. I asked him where he comes from. Buongiorno.

Gazo: Buongiorno.

Anna: Come sta?

Gazo: Io sto bene grazie.

Anna: Di dov'è?

Gazo: Io sono di Imperia, è una città qui vicino a Sanremo.

Anna: Mario, di dove sei?

Mario: Sono di Sanremo.

Anna: Sei sposato?

Mario: No. Per fortuna non sono sposato.

Anna: Luca, di dove sei?

Luca: Sono di Sanremo e vivo qui.

Anna: E sei sposato?

Luca: No. Non sono sposato neanche io.

Anna: Ciao.

X: Ciao.

Anna: Buongiorno.

Y: Buongiorno.

Anna: Buongiorno signora. Perché siete qui?

X: Beh è molto divertente stare qui, pedalare, andare sul mare, abbronzarsi.

Anna: Ciao come stai?

X: Bene grazie.

Anna: Perché sei qui?

X: Sono qui per divertirmi.

Anna: E cosa preferisci fare?

X: Preferisco mangiare il gelato.

Anna: …Ciao.

X: Ciao.

Anna: Come stai?

X: Bene grazie.

Anna: Perché sei qui?

X: Sono qui in vacanza.

Anna: Signora, Lei perché è qui?

X: Sono qui perché ho bisogno di riposarmi.

Anna: E Suo marito c'è?

X: No. In questo momento non c'è.

Anna: Ha dei bambini?

X: Sì, due. Valentina e Matteo.

Anna: Ciao.

Matteo: Ciao.

Anna: Ciao.

Valentina: Ciao.

Anna: Valentina, quanti anni hai?

Valentina: Io ho nove anni.

Anna: E tu Matteo quanti anni hai?

Matteo: Eh…sei anni.

Anna: Ciao.

X: Ciao.

Anna: Perché sei qui?

X: Sono qui per prendere il sole.

Anna: E cosa preferisci fare?
X: Preferisco giocare a palla.

Y: In spiaggia gioco a pallavolo, sto con gli amici, ascolto la musica e prendo il sole.

Anna: Come stai?

X: Bene grazie.

Anna: Come stai?

X: Bene grazie.

Anna: Mario di dove sei?

Mario: Sono di Sanremo.

Anna: Mario di dove sei?

Mario: Sono di Sanremo.

Anna: Ha dei bambini?

X: Sì due.

Anna: Ha dei bambini?

X: Sì due.

Anna: E tu Matteo quanti anni hai?

Matteo: Eh…sei anni.

Anna: E tu Matteo quanti anni hai?

Matteo: Eh…sei anni.

Anna: Questa è la corsa ciclistica annuale di Sanremo. Il ciclismo è uno sport molto popolare in Italia.

Anna: Bocce or bowls is very popular with older people. Buonasera, io sono Anna Mazzotti, Lei?
Sig. Masenga: Io sono il Presidente dell'Unione Bocciofila Sanremo.

Anna: E Lei si chiama?

Sig. Masenga: Mi chiamo Masenga Battista.

Anna: Signor Masenga, da quanto tempo gioca a bocce?

Sig. Masenga: E' da quarant'anni.

Anna: E la Sua famiglia gioca?

Sig. Masenga: La mia famiglia non gioca.

Anna: Come mai?

Sig. Masenga: Per motivi di lavoro.

Anna: The oldest tennis club in Italy is here in Bordighera. It was founded in 1878 by a British enthusiast living in the area and originally twenty two courts. Giulio Preti is the Club Vice President…Giulio, da quanto tempo giochi a tennis?

Giulio: Gioco a tennis da almeno quindici anni.

Anna: E la tua famiglia gioca?

Giulio: La mia famiglia gioca a tennis: i miei genitori, mio fratello…

Anna: Il circolo da quanto tempo esiste?

Giulio: Il circolo esiste da cento anni. Questi sono i campi da tennis.

Anna: Quanti campi avete?

Giulio: Abbiamo sei campi da tennis: quattro in terra rossa e due in sintetico. Adesso, possiamo andare a prendere qualcosa da bere al bar?

Anna: Sì, volentieri.

Giulio: Perfetto.Questo è il nostro bar…ti presento il nostro barista, Vincenzo.

Vincenzo: Piacere, come sta?

Anna: Molto bene grazie.

Giulio: Cosa prendi da bere, Anna?

Anna: Una spremuta con lo zucchero.

Vincenzo: Subito.

Giulio: Due spremute per favore, Vincenzo. Beppe e Gino?…oh eccoli. Ciao Beppe.

Beppe: Ciao.

Giulio: Ciao Gino.

Gino: Ciao Giulio.

Giulio: Ti presento due soci del tennis.

Anna: Piacere.

Beppe: Piacere.

Gino: Ciao

Anna: Piacere.

Giulio: Beppe, cosa prendi?

Beppe: Un aperitivo.

Giulio: Gino, cosa prendi?

Gino: Anch'io, grazie.

Giulio: Due aperitivi per favore.

Vincenzo: Subito.

Giulio: Anna, la spremuta…

Anna: Grazie.

Giulio: Ecco lo zucchero…

Anna: Perfetto. Grazie.

Vincenzo: Prego.

Beppe: Grazie.

Anna: Cin cin.

All: Cin cin

Anna: Buongiorno.

Instr: Buongiorno.

Anna: Io mi chiamo Anna Mazzotti e Lei?

Instr: Io mi chiamo Cesare Codevilla…e io sono il maestro di questo circolo di tennis che si chiama Bordighera Tennis Club.

Anna: Gioca anche la Sua famiglia?

Instr: Sì. Eh, la mia famiglia gioca tutta a tennis.

Anna: Ma adesso i membri del vostro circolo sono tutti italiani o ci sono anche stranieri?

Instr: In questo momento non abbiamo soci stranieri nel nostro circolo.

Anna: E quanti membri avete?

Instr.: Abbiamo all'incirca centosettanta soci.

Anna: Ma il tennis è uno sport molto popolare, vero?
Instr: Sì, abbastanza. E' molto piú popolare che in passato.

Anna: La ringrazio.

Instr: Prego.

Giulio: Ti presento il nostro barista Vincenzo.

Vincenzo: Piacere, come sta?

Giulio: Ti presento il nostro barista Vincenzo.

Vincenzo: Piacere, come sta?

Anna: A few kilometres from Bordighera on this beautiful unspoilt promontory on the border with Monte Carlo are the Hanbury Botanical Gardens. Created in 1867 by an english tea merchant, Sir Thomas Hanbury, the gardens have a unique collection of plants, shrubs and trees from all continents. The ideal climate here allows plants to be in flower at all times of the year and in every corner of the garden…The head gardener at Hanbury is Guido Novaro. He told me how long he's been working here and how much he enjoys it. Signor Giudo Novaro, Lei è assistente tecnico dell'Università di Genova, chi gestisce questi giardini?

Sig. Novaro: Il giardino è proprietà demaniale, cioè dello Stato.

Anna: E lo gestisce?

Sig. Novaro: Lo gestisce l'Università di Genova.

Anna: Da quanto tempo lavora qui?

Sig. Novaro: Lavoro qui da ventinove anni.

Anna: E' un lavoro piacevole?

Sig. Novaro: E' un lavoro molto bello.

Anna: Perché?
Sig. Novaro: Eh…perché lavorare all'aria aperta è molto divertente con tante belle piante.

Anna: Avete molto lavoro?

Sig. Novaro: Sì. Abbiamo molto lavoro tutto l'anno…

Anna: Avete bisogno di molto personale?

Sig. Novaro: Abbiamo bisogno di molto aiuto, sì.

Anna: Ciao Luca.

Luca: Ciao Anna.

Anna: Come stai?

Luca: Sto molto bene grazie.

Anna: Luca, da quanto tempo è che lavori qui?

Luca: Lavoro qui da solo sei mesi.

Anna: E' bello lavorare qui?

Luca: Sì, è molto bello anche perché amo lavorare all'aria aperta.

Anna: Che bella giornata vero?
Dott. Savini: Oh, oggi il tempo è splendido, meraviglioso.

Anna: Ma Lei di dove è?

Dott. Savini: Io sono ligure, di Imperia.

Anna: Ed è qui in vacanza vero?

Dott. Savini: Sì, sono qui perché ho bisogno di riposare.

X: A posto. Via.

Anna: Dario, perché sei qui?
Dario: Perché è divertente e ci sono i miei amici.

Anna: Simona perché nuoti?

Simona: Per tenermi in forma.

Anna: E perché sei qui?

Simona: Perché è divertente.

Anna: E perché nuoti?
Fabio: Nuoto per tenermi in forma.

Anna: E perché sei qui?

Fabio: Sono qui per fare le gare.

X: Ciao Anna, ti presento i miei fratelli Alessio e Fabio.

Anna: E perché sei qui?

X: Sono qui perché ho bisogno di nuotare, di allenarmi.

Anna: Buongiorno. Perché gioca a golf?

Golfer: Eh, lo trovo divertente.

Anna: E perché è qui?

Golfer: Per migliorare il mio gioco.

Anna: Ciao.

X: Ciao Anna.

Y: Ciao Anna.

Anna: Di dove siete?

Y: Io sono ligure.

X: E io sono di Sanremo.

Anna: Perché giocate a golf?

Y: Io gioco a golf perché lo trovo rilassante.

X: E io lo trovo divertente.

Anna: E perché siete qui?

Y: Sono qui per migliorare il mio swing!

X: E io per imparare!

Anna: Not everyone wants to enjoy their tempo libero on the coast. In Liguria, mountains offer the peace and tranquillity of alpine scenery. Many Italians have small farms here producing their own fruit, wine, olives and at this high altitude honey from the wild rhododendrons… Buongiorno.

Sig. Gastaldi: Buongiorno.

Anna: Piacere, Anna Mazzotti.

Sig. Gastaldi: Piacere, sono Dino Gastaldi e faccio l'apicoltore.

Anna: Signor Gastaldi, da quanto tempo tiene le api?

Sig. Gastaldi: Ma io, da sempre, perché è un'eredità di mio padre quindi…

Anna: Quante api ha?

Sig. Gastaldi: Sono quattrocento famiglie.

Anna: E ha bisogno di aiuto?

Sig. Gastaldi: I miei figli mi aiutano.

Anna: Tenere le api è pericoloso?

Sig. Gastaldi: Non è pericoloso. Pungono, di tanto in tanto pungono, però è naturale…
Episode 4 - I pendolari

Watch the episode

Anna: The town of Ferrara which lies in the River Po delta reached its peak of prosperity in the renaissance period under the Este family whose court was filled with famous artists and poets. Today it's a thriving university town which relies on the agriculture of the region as its main economic source. Many young people who've grown up in Ferrara are fond of the city but look elsewhere for work or for a place at University. Some of them become "pendolari": commuters, shuttling between Ferrara and the bigger nearby city of Bologna. Of course "fare il pendolare", commuting can be a hard and stressful way of life.

Lady 1: La vita del pendolare è faticosa e dura perché la giornata è molto lunga.

Anna: Com'è la vita del pendolare?

Lady 2: La vita del pendolare è abbastanza faticosa. Mi alzo al mattino molto presto e torno la sera molto tardi.

Lady 3: E' molto stressante…anche perché soprattutto per i giovani perché alla sera magari vanno a letto un po' tardi però al mattino c'è la sveglia alle sei, sei e mezza…bisogna prendere il treno e andare.

Anna: How do these commuters get from home to work? Come va a lavoro da casa?

Lady 1: Esco di casa, prendo la macchina perché abito in periferia, parcheggio in stazione, vicino alla stazione che è difficile perché ci sono molte macchine e molta gente, prendo il treno, arrivo a Bologna che è la città in cui lavoro e prendo un autobus e vado a lavorare. Tutto questo in un'ora e un quarto, un'ora e venti di tempo.

Lady 2: Arrivo alla stazione in macchina poi in treno vado fino a Bologna e da Bologna con la bicicletta vado fino al lavoro.

Silvia: Mi chiamo Silvia e abito a Ferrara ma lavoro a Bologna. Ogni mattina, dal lunedì al venerdì, vado in bicicletta alla stazione di Ferrara e prendo il treno delle sette e cinquantatré (7.53) per Bologna che parte dal binario numero tre.

Danilo: Tutti i giorni, tranne il sabato e la domenica, vado alla stazione di Ferrara in macchina e prendo il treno delle sette e cinquantatré (7.53) per Bologna che parte dal binario numero tre.

Anna: La stazione di Bologna is a vital junction in northern Italy. If you're going south to Rome or Naples you're bound to go through Bologna. This is the reason why in 1980 terrorists singled out this busy and important station to plant a huge bomb. They blew up a large part of it and many lives were lost. When the station was rebuilt this jagged gap was left as a reminder of one of the worst terrorist incidents in peace-time Europe…Scusa… I'd arranged to meet Silvia and Danilo as they arrived at Bologna station early in the morning before they went to work. Their train was on time but I was late for the appointment and found out as soon as I met them that Danilo had to leave straight away to catch his next train to Imola where he works. Scusate, sono in ritardo.

Silvia: Ciao.

Danilo: Ciao, non importa. Come va?

Anna: Non c'è male grazie.

Danilo: Anna, scusa ma ho fretta, devo prendere l'altro treno per andare a Imola. Ci vediamo a pranzo allora?

Anna: Sì.

Danilo: Ciao.

Anna: Arrivederci a presto.

Silvia: Ciao

Anna: Ciao. Silvia, tu hai tempo di fare colazione adesso?

Silvia: Sì volentieri. Ho una fame da lupo. Conosco un bar in Piazza Maggiore che si chiama…eh...Bar Giuseppe. Io però devo andare in bicicletta perché dopo devo andare al lavoro.

Anna: Va beh, va bene.

Silvia: Va bene.

Anna: Tu vai in bicicletta e io vengo in autobus.

Silvia: Va bene.

Anna: Va bene? Andiamo.

Anna: Scusate, sono in ritardo.

Silvia: Ciao.

Anna: Ciao.

Danilo: Ciao, non importa. Come va?

Anna: Scusate, sono in ritardo.

Silvia: Ciao.

Anna: Ciao.

Danilo: Ciao, non importa. Come va?

Anna: Tu vai in bicicletta e io vengo in autobus.

Silvia: Va bene.

Anna: Va bene?Andiamo. Silvia picked up a second bicycle from Bologna station to make her way to the caffè for breakfast. In this flat area cycling is extremely popular with people of all ages…Ecco qua.

Silvia: Grazie.

Anna: Vieni spesso qui a fare colazione?

Silvia: Ogni tanto, quando ho tempo.

Anna: Da quanto tempo fai la pendolare?

Silvia: Faccio la pendolare da…da molto tempo, da cinque anni, però lavoro a Bologna solo da tre anni.

Anna: E che lavoro fai esattamente?

Silvia: Lavoro in un ufficio, nel campo dell'informatica.

Anna: E' lunga la tua giornata?

Silvia: Sì, abbastanza. Eh…lavoro dalle nove alle cinque del pomeriggio in ufficio. Però devo uscire di casa…eh… la mattina alle sette e mezza e torno la sera alle sei e mezza.

Anna: Ma abiti lontano dalla stazione?

Silvia: No, abito in città, in centro, nel centro di Ferrara.

Anna: E come fai per andare a lavorare allora?

Silvia: Prendo la bicicletta per andare da casa alla stazione di Ferrara poi prendo il treno e ho un'altra bicicletta vecchia alla stazione di Bologna per andare al lavoro. Ho due biciclette, insomma. E poi la sera, per tornare a casa, faccio la stessa cosa.

Anna: Ma d'inverno, quando piove e c'è la nebbia?

Silvia: Faccio quasi sempre la stessa cosa, non cambio programma.

Anna: Ah, che coraggio!!

Silvia: Anna, scusami sono già le nove e sono in ritardo per il lavoro…devo scappare.

Anna: Ma, e il cappuccino?

Silvia: E' lo stesso. Un'altra volta.

Anna: Ah, va bene.

Silvia: Ciao.

Anna: OK, ciao, buona giornata.

Anna: E che lavoro fai esattamente?

Silvia: Lavoro in un ufficio nel campo dell'informatica.

Anna: E che lavoro fai esattamente?

Silvia: Lavoro in un ufficio nel campo dell'informatica.

Anna: Ma abiti lontano dalla stazione?

Silvia: Eh, no, abito in città, in centro, nel centro di Ferrara.

Anna: Ma abiti lontano dalla stazione?

Silvia: Eh, no, abito in città, in centro, nel centro di Ferrara. Anna scusami sono già le nove e sono in ritardo per il lavoro, devo scappare. Anna scusami sono già le nove e sono in ritardo per il lavoro, devo scappare.

Danilo: Buongiorno.

Cuoco: Buongiorno.

Danilo: Le lasagne, grazie.

Anna: Lunchtime – Danilo who's been working at the Imola branch of his bank for the last month, often has a meal at the canteen where we'd arranged to meet. His life as a commuter is even harder than Silvia's. He has to catch two trains to get from Ferrara to Imola every morning and another two to get back home in the evening.

Danilo: Quant'è?

Cashier: Cinquemila.

Danilo: Grazie.

Cashier: Prego.

Danilo: Ciao.

Anna: Ciao. Buono!

Danilo: Mmm…

Anna: Vieni spesso qui a mangiare?

Danilo: Ogni tanto.

Anna: Da quanto tempo fai il pendolare?

Danilo: Beh, faccio il pendolare da circa un anno.

Anna: E che lavoro fai?

Danilo: Lavoro in banca, da quattro anni. Presso la filiale di Imola da circa un mese.

Anna: E' lunga la tua giornata?

Danilo: Eh sì! Eh…lavoro in banca dalle nove (9) alle diciannove e trenta (19.30)…eh…però la mattina esco da casa alle sette e trenta 7.30 e vi rientro alle venti e trenta (20.30).

Anna: Abiti lontano dalla stazione?

Danilo: A circa due chilometri.

Anna: E quindi, come fai per arrivare al lavoro?

Danilo: La mattina vado in macchina alla stazione di Ferrara, prendo il treno dalla stazione di Ferrara alla stazione di Bologna. A Bologna cambio e prendo il treno per andare a Imola. Dalla stazione di Imola, in banca vado a piedi. E la sera, per tornare a casa mia, faccio la stessa cosa.

Anna: Ho capito. Ed à lungo il viaggio in treno?

Danilo: Circa un'ora e mezzo. Però, per fortuna, i treni sono quasi sempre in orario.

Anna: Ah, meno male!

Danilo: Lavoro in banca da quattro anni. Presso la filiale di Imola da circa un mese. Lavoro in banca da quattro anni. Presso la filiale di Imola, da circa un mese.

Anna: Come fai per arrivare al lavoro? Come fai per arrivare al lavoro?

Danilo: Vado in macchina alla stazione di Ferrara. Vado in macchina alla stazione di Ferrara.

Danilo: Prendo il treno dalla stazione di Ferrara alla stazione di Bologna. Prendo il treno dalla stazione di Ferrara alla stazione di Bologna. Per fortuna i treni sono quasi sempre in orario.

Anna: Ah, meno male!

Danilo: Per fortuna i treni sono quasi sempre in orario.

Anna: Ah, meno male!

Anna: For many Italians, commuting is a way of life. The scarcity and high cost of houses to buy or rent put them off moving to the city where they work. Young people live with their parents and travel long distances every day. Che lavoro fa?

Commuter: Sono un impiegato dello Stato.

Anna: E quante volte alla settimana quindi deve fare Ferrara-Bologna?

Commuter: Beh, io viaggio praticamente dal lunedì al venerdì per cinque giorni alla settimana.

Anna: E verso che ora rientra la sera?
Commuter: Per tre giorni alla settimana rientro alle quindici e trenta (15.30) e per due giorni alla settimana alle diciotto e trenta (18.30).

Anna: E come vai al lavoro, da casa?

Commuter: Da casa prendo un autobus, alla mattina, per arrivare in stazione, poi prendo il treno per arrivare alla stazione di Bologna, quindi a piedi raggiungo il centro.

Anna: Prendi questo treno tutti i giorni?

Commuter: Sì, prendo anch'io questo treno tutti i giorni, come i miei amici, dal lunedì al venerdì.

Anna: Some young commuters feel they'd lose touch with their friends if they moved to a different city. Others simply think the rents are very high – gli affitti sono molto elevati – Perché, se è difficile fare il pendolare, non ti trasferisci a Bologna?

Commuter: Perché non è sempre facile trovare un lavoro nel posto in cui si abita.

Commuter: Non voglio lasciare la mia città perché ho molti amici e molte conoscenze. Quindi preferisco abit…stare dove abito adesso e fare questa vita.

Commuter: E' molto difficile trasferirmi nella città dove lavoro perché gli affitti sono molto elevati e acquistare le case a Bologna è…è difficile…impossibile, perché sono molto, molto costose.

Anna: E trovare, invece, lavoro dove abiti?

Commuter: Forse è ancor più difficile!

Anna: Most Italians rely on public transport for commuting. Just as well, as Danilo said, that trains are usually on time – per fortuna i treni sono quasi sempre in orario.





Episode 5 - Vivere in città

Watch the episode

Anna: Bologna è una città importante! E' famosa per la sua antica università e ricca gastronomia. But what most people don't know, is that Bologna is the capital of one of the fastest developing business district in Europe. And it's very environmentally conscious. Qui sono nel centro della città. E' un'isola pedonale e non ci sono macchine perché il centro è sempre chiuso al traffico. Anche per questo è bello andare in giro per vedere tutti i negozi. The "isola pedonale" – the pedestrian area – is a common feature of old Italian towns. It's a way of preserving buildings as well as having cleaner air in the city centre. After joining the bolognesi for a bit of window shopping, I decided to visit one of the towns health food and natural products shops – un'erboristeria – to buy a shampoo and face lotion…Buongiorno signorina, come sta?
Germania: Bene grazie. E lei?

Anna: Bene grazie.

Germania: Cosa desidera oggi?

Anna: Io ho bisogno di uno shampoo per capelli normali.

Germania: Sì. Ecco. Abbiamo questo che contiene miglio ed è adatto per lavaggi frequenti. Altrimenti abbiamo questo che contiene mallo di noce ed è adatto per lavaggi settimanali.

Anna: Mmm, e quanto costano?

Germania: Costano lo stesso prezzo. Ottomila e cinquecento lire.

Anna: Sì, prendo questo a base di mallo di noce.

Germania: Sì, serve altro?

Anna: Sì. Ha per caso una lozione tonificante per il viso, senza alcol?

Germania: Eh, signora, una lozione tonificante per il viso senza alcol.

Maria: Sì…abbiamo questa a base di camomilla.

Anna: Uhm! Che buon odore!

Maria: Sono buoni gli odori perché sono tutti prodotti naturali.

Anna: Signora lei è un'esperta. E' molto tempo che lavora in questo campo?

Maria: Non molto. Quattro anni. La vera esperta in famiglia è la zia di mio marito.

Anna: La zia, e lavora anche lei qui?

Maria: No, no, la zia è una persona molto anziana e non viene mai qui.

Anna: Ed è di Bologna?

Maria: Sì, la zia è di Bologna. Io invece sono di Roma, ma vivo a Bologna da diciotto anni. Va bene?

Anna: Sì signora, lo prendo.

Maria: Desidera altro?

Anna: No grazie, basta così.

Maria: Sono ventimila lire.

Anna: Ecco a lei.

Maria: Grazie, buongiorno.

Anna: Buongiorno, grazie.

Maria: Io ho bisogno di uno shampoo per capelli normali. Io ho bisogno di uno shampoo per capelli normali.

Maria: Sì la zia è di Bologna io invece sono di Roma ma vivo a Bologna da 18 anni. Sì la zia è di Bologna io invece sono di Roma ma vivo a Bologna da 18 anni.

Anna: Ha per caso una lozione tonificante per il viso senza alcol? Ha per caso una lozione tonificante per il viso senza alcol?

Maria: Va bene?

Anna: Sì signora, lo prendo.

Maria: Va bene?

Anna: Sì signora, lo prendo.

Anna: Bologna is the home of the oldest university in Europe. In this ancient courtyard the first students studied things sacred, scientific and political. Oggi questo palazzo è la biblioteca comunale. Just across the Piazza Maggiore the scientific tradition lives on at the Centro Informazioni Comunali. Where you can find out not only what to do and see in Bologna – che cosa c'è da fare e da vedere a Bologna – but also where to find the cleanest and least polluted part of the city. Questo computer mostra il livello di inquinamento atmosferico. It shows the level of atmospheric pollution. Scusi, posso?

Patrizia: Sì, sì, prego.

Anna: Che cosa si può vedere esattamente?

Patrizia: Eh, questo computer permette di vedere il grado di inquinamento nelle varie zone della città di Bologna. Questo computer permette di vedere il grado di inquinamento nelle varie zone della città di Bologna.

Anna: E chi può usare questo computer?

Patrizia: E' a disposizione di tutti. La gente lo può usare quando vuole per sapere se l'aria è inquinata.

Anna: E lo consultano spesso?

Patrizia: Sì, molti cittadini sono curiosi di sapere il livello d'inquinamento della zona dove abitano.

Anna: Ah, è un'ottima iniziativa. Qui c'è anche l'ufficio turistico, vero?

Patrizia: Eh, sì, è là!

Anna: Grazie.

Patrizia: Prego.

Anna: Scusi, posso?
Patrizia: Sì, sì, prego.

Anna: Scusi, posso?

Patrizia: Sì, sì, prego.

Anna: Qui c'è anche l'ufficio turistico, vero? Qui c'è anche l'ufficio turistico, vero? Questo è l'ufficio turistico, vero?

Lucia: Certo.

Anna: Buongiorno.

Lucia: Buongiorno.

Anna: Quando siete aperti?

Lucia: Siamo aperti tutto il giorno. Non chiudiamo a mezzogiorno.

Anna: A che ora aprite?

Lucia: Apriamo alle ore nove e chiudiamo alle diciannove.

Anna: A che ora aprite?

Lucia: Apriamo alle ore nove e chiudiamo alle diciannove.

Anna: E siete aperti dalle nove alle diciannove anche di domenica?

Lucia: No, la domenica siamo aperti solo dalle nove alle tredici.

Anna: Ho capito. Qui vengono molti turisti?

Lucia: Sì, molti turisti italiani e anche stranieri.

Anna: Grazie, arrivederci.

Lucia: Arrivederci.

Anna: Environmental concerns are at the top of the political agenda in Bologna. On the outskirts of the town by the River Savena is a park with a difference. Questo è il parco dei cedri vicino al fiume Savena, alla periferia di Bologna. E' un parco pubblico un po' speciale, perché contiene una zona protetta. Il comune di Bologna, the Bologna City Council and the World Wildlife Fund for Nature – Italians call it WWF cercano di proteggere la flora e la fauna della zona. This project to protect the flora and the fauna of the area is run by two local experts… Buongiorno.

2 men: Buongiorno.

Anna: Voi lavorate per il WWF, vero?

2 men: Sì. Eh..

Anna: Lei come si chiama?

Dott. Bonafede: Io mi chiamo Fausto Bonafede e sono il responsabile per il WWF di questo progetto.

Andrea: E io mi chiamo Andrea Sivelli e lavoro anch'io per il WWF.

Anna: Venite qui ogni giorno?

Andrea: Beh, ogni giorno no, però molto spesso.

Anna: E anche d'inverno?

Dott. Bonafede: Anche d'inverno, certo.

Andrea: Anche quando piove.

Anna: E, cosa fate?

Dott. Bonafede: Mah, accompagnamo spesso.. eh…bambini e ragazzi delle scuole elementari e delle medie... eh… con scopi didattici.

Anna: E da quanto tempo esiste il progetto?

Andrea: Beh, questo progetto esiste dal novembre del 1989.

Anna: Che cosa cercate di ottenere con questo progetto?

Dott. Bonafede: Cerchiamo di fare conoscere..eh… la flora ma anche la fauna caratteristici [sic] di questa regione. E vogliamo studiare la natura..eh… abbandonata a se stessa.

Anna: This fenced off area of the park has been left untouched since 1989 and monitoring the environment within it has been the aim of the project. So, are the results of the study encouraging – i risultati sono incoraggianti? I vostri risultati sono buoni, sono incoraggianti?

Dott. Bonafede: Sì, i risultati sono molto buoni..eh…infatti tornano..eh…sia le piante sia gli insetti e altri animali caratteristici di questa regione. E questo a differenza..eh… di altre aree dove invece l'uomo interviene regolarmente.

Anna: Che cosa bisogna fare per tutelare l'ambiente?

Andrea: Beh, bisogna imparare a vivere con la natura e non a combatterla.

Anna: Le persone che vengono qui cosa fanno, rispettano l'ambiente?

Andrea: Beh, in genere sì, anche perché quando vengono qui per rilassarsi, capiscono che la natura è indispensabile per vivere.

Anna: Che cosa rimane da fare per la conservazione della natura?
Dott. Bonafede: Qui in Italia..eh...e anche in altri Paesi rimane tanto da fare, bisogna, io credo, estendere queste esperienze di natura libera, senza l'intervento dell'uomo... eh… in altre parti, in altre aree; e poi bisogna usare meno la macchina, utilizzare meno l'energia ecc.

Anna: Ma siete ottimisti per il futuro?
Andrea: Sì!

Dott. Bonafede: Moderatamente ottimisti.

Anna: Grazie. E da quanto tempo esiste il progetto? E da quanto tempo esiste il progetto?

Andrea: Beh, questo progetto esiste dal novembre del 1989. Beh, questo progetto esiste dal novembre del 1989.

Anna: Che cosa bisogna fare per tutelare l'ambiente? Che cosa bisogna fare per tutelare l'ambiente?
Andrea: Beh, bisogna imparare a vivere con la natura e non a combatterla. Beh, bisogna imparare a vivere con la natura e non a combatterla.

Anna: So these are some of the concerns of the city experts. What about the people of Bologna? How do they like living in the city? Perché è bello vivere a Bologna?

Lady 1: Bologna è bella perché ha un bel centro pieno di negozi, pieno di vetrine, è sempre illuminata. E' una bella città!

Man1: Bologna è una città che offre molto, diciamo, anche dal punto di vista della vita notturna. C'è una "cultura" di osterie e una "cultura" di posti dove si mangia bene e si beve bene!

Couple: Ha tutte le caratteristiche di..di… una città importante; ci sono tutti i servizi sociali..sociali…che..che servono, è una città tranquilla, offre praticamente tutto.

Lady 2: E l'amo tantissimo per molte cose, eh…per i portici, per i monumenti eh,…niente,…anche per il fatto che hanno chiuso il centro storico..a… alle…alle automobili.

Couple: Soprattutto offre anche possibilità di lavoro notevoli, eh…si mangia molto bene…ed è una città molto bella.

Lady 3: Vivere a Bologna è bello perché, secondo me, ci sono molti portici, quindi quando piove, non c'è problema per l'acqua.

Couple: E' molto bello passeggiare anche sotto la pioggia a Bologna perché abbiamo questi splendidi portici che sono una delle caratteristiche principali di Bologna.

Episode 6 - Nel mondo della musica

Watch the episode

Anna: The southern Italian city of Bari is better known today for its impressive football stadium and as a thriving trade centre, and for its musicians and composers. But Bari and the Puglia region have a great theatrical and musical tradition. It's said that Mascagni was inspired to write the opera Cavalleria Rusticana in this building, today a stylish clothing shop, un elegante negozio di abbigliamento. The most successful, privately owned opera house in Italy is also here in Bari, il Teatro Petruzzelli. The city's most celebrated musician is 18th century composer Niccolò Piccinni; Both the Conservatorio and a theatre are named after him. But what about the new generation of musicians. What is it like to be a talented student at the Bari Conservatorio today? Rita Iacobelli is just 19, and she's been at the Conservatorio since she was 11; she's one of the new breed of young musicians interested in many styles of music. I wrote to Rita asking her for an interview and followed up the letter with a phone call to arrange a date and a time. Allora, il prefisso zero otto zero…ah… e il numero di Rita qual è? Ah! Cinque uno due cinque tre zero.

Lorry: Pronto, chi parla?

Anna: Buonasera. Sono Anna Mazzotti, posso parlare con Rita per piacere?
Lorry: Pronto, chi parla?

Anna: Buonasera. Sono Anna Mazzotti, posso parlare con Rita per piacere?

Pronto, chi parla?
Buonasera. Sono Anna Mazzotti, posso parlare con Rita per piacere?

Lorry: Mi dispiace, Rita non c'è in questo momento. E' uscita. E' andata in Conservatorio per una prova.

Anna: Ah! Ho capito. E… Lei mi sa dire quando torna?

Lorry: Ma…torna tardi, credo. Vuole lasciare un messaggio?
Anna: Sì. Le può dire che ha chiamato Anna Mazzotti… Anna Mazzotti per la questione dell'intervista e che la richiamo domani, se va bene.

Lorry: Certo. Ma è meglio chiamare la mattina presto.

Anna: Verso che ora? Prima delle otto?

Lorry: Anche dopo le otto va bene, ma prima delle otto e mezzo.

Anna: D'accordo. La ringrazio. Buonasera.

Lorry: Buonasera.

Orchestra leader: E' bellissimo ve lo ripeto ma non dovete sbagliare immediatamente il suono, cioè senza variazioni, teeee... è brutto. Eh, facciamo dalla battuta prima di quella? Cioè con l'orchestra la battuta prima e voi attaccate lì. Ventinove per l'orchestra, trenta per voi. Dai! Ventinove.

Anna: Rita plays the violin in the Harmonia – an orchestra and choir of young people from all over Bari. She was rehearsing with the orchestra when I phoned. Her sister suggested I ring back before half past eight the next morning.

Orchestra leader: Cioè ne faccio pochissimo di rallentando e solamente nel corso della battuta. Non rallento sulle ultime due. Fa: ta, ta, ta.

Rita: Pronto?

Anna: Pronto? Sono Anna Mazzotti. Ho chiamato ieri sera. Ho lasciato un messaggio per Rita.

Rita: Sì. Sono io Rita. Buongiorno.

Anna: Ah! Buongiorno. La chiamo a proposito dell'intervista. Ha ricevuto la mia lettera?

Rita: Sì, sì. Va bene. Ho organizzato tutto.

Anna: D'accordo. Quando ci possiamo vedere allora?

Rita: Perché non ci vediamo a casa mia, domani, alle undici?

Anna: Sì.Quando ci possiamo vedere allora?

Rita: Perché non ci vediamo a casa mia, domani, alle undici?

Anna: Quando ci possiamo vedere allora?
Rita: Perché non ci vediamo a casa mia, domani alle undici?

Anna: I arrived at Bari station rather early for my appointment with Rita so I asked the taxi driver if he could stop at the bar for a quick cup of coffee. Buongiorno.

Taxi driver: Buongiorno.

Anna: Devo andare a Via Dante numero dieci.

Taxi driver: D'accordo.

Anna: Ma è distante da qui? Perché io sono arrivata presto.

Taxi driver: No, no, è poco distante da qui.

Anna: Va bene. Allora ci fermiamo a un bar.

Taxi driver: D'accordo.

Anna: Quanto le devo?
Taxi driver: Diecimila.

Anna: Ecco.

Taxi driver: Grazie. Buongiorno.

Anna: Buongiorno. Like most Italians, Rita and her family live in a flat – un appartamento.

Rita: Il mio nome è Rita, ho diciannove anni e studio musica al Conservatorio Niccolò Piccinni di Bari, dove frequento il settimo anno di violino.

Anna: Cosa hai fatto questa settimana?

Rita: Questa settimana, come tutte le mie settimane, l'ho trascorsa studiando in Conservatorio musica da camera, storia della musica, armonia, orchestra, dove stiamo facendo una sinfonia di Mozart. E chiaramente, la mia lezione di violino, che è il mio strumento principale.

Anna: Come hai cominciato a studiare la musica?

Rita: Ho cominciato a suonare per gioco, all'età di nove anni. La prima musica che ho suonato al pianoforte è stata la sigla di un cartone animato che ho visto in televisione.

Anna: Quale musica ti piace?

Rita: Mi piace principalmente la musica classica. Poi mi piace anche il Jazz, sia nello stile moderno che classico. E poi anche la musica leggera.

Anna: E quale musica non ti piace?

Rita: La musica che non mi piace, e che dà tanto fastidio alle mie orecchie, è il frastuono che fanno le chitarre elettriche, il basso, la batteria. Una musica odiosa, terribile.

Anna: Quale musica ti piace?

Rita: Mi piace principalmente la musica classica.

Anna: Quale musica ti piace?

Rita: Mi piace principalmente la musica classica.

Anna: Many celebrated names like Riccardo Muti and Claudio Abbado, were students at this conservatory. The popular film music composer, Nino Rota, made Bari his second home, having being director of the Piccinni Conservatory for nearly thirty years. Most of his compositions were created here, including unforgettable scores for films by Fellini and Zeffirelli.

Anna: Marcello, quale compositore ti piace di più?

Student 1: Io sono un musicista classico, suono la chitarra e quindi preferisco Mauro Giuliani.

Anna: Quale strumento ti piace di più?

Student 2: Lo strumento che...che mi piace di più è il violino perché permette di esprimere meglio i propri sentimenti.

Anna: E, quando non suoni il violino, che cosa ti piace fare?

Student 2: Quando non suono il violino, a me piace leggere e piacciono tante altre cose, come la fotografia.

Anna: Quale strumento ti piace di più? Quale strumento ti piace di più?

Student 2: Lo strumento che…che mi piace di più è il violino. Lo strumento che…che mi piace di più è il violino.

Rita: Allora vuoi venire domani?
Anna: Sì, volentieri. Dove c'incontriamo?

Rita: Direttamente al Barion. E' un club in centro, sul lungomare. Dietro al Teatro Margherita.

Anna: E…quando? Verso che ora? Alle due?

Rita: Eh, no. Prima delle due. Verso l'una e mezzo.

Anna: D'accordo. Ci vediamo allora.

Rita: Va bene. Ciao.

Anna: Ciao.

Rita: Allora vuoi venire domani?

Anna: Sì, volentieri. Dove c'incontriamo?

Rita: Allora vuoi venire domani?

Anna: Sì, volentieri. Dove c'incontriamo?

Anna: Rita has invited me to the Barion sporting club on the waterfront for a lunchtime recital. She's playing in a quartet of students from the Conservatorio. It's an unusual setting – the quartet like to gain experience of playing in different venues. I asked some of Rita's friends about the sort of music they liked best…

Vox pop 1: Mi piace Beethoven, ma preferisco Mozart.

Anna: Mario e Tommaso, siete musicisti. Che cosa suonate?

Vox pop 2: Io suono l'oboe. Io suono il violino.

Vox pop 3: Mi piacciono i compositori classici.

Anna: Quando hai iniziato?

Vox pop 2: E sì…io ho sempre studiato violino e ho incominciato dieci anni fa.

Rita: Il Quartetto lo ha organizzato il mio insegnante di musica da camera quindi studiamo questa materia in conservatorio. Ma purtroppo il tempo a disposizione durante la lezione non è sufficiente per ottenere buoni risultati. Quindi, spesso, quando posso, ho chiamato i miei amici per studiare un po' a casa.

Anna: And what are Rita's ambitions?

Rita: La mia prima ambizione è quella di avere sempre tanta buona volontà e pazienza nello studio. La mia seconda ambizione è quella di dare sempre il meglio di me stessa, di cercare di suonare sempre meglio, appunto…

Anna: This is the Great Hall of Bari University – l'aula magna – where the Harmonia orchestra are having their final rehearsal for Mozart's Ave Verum.

Vox pop 1: Ci piacciono le prove orchestrali. Mi piace suonare insieme ad Antonella.

Anna: Mara, dove sei stata ieri?

Vox pop 2: Ieri ho fatto lezione di musica di insieme al Conservatorio. Poi sono ritornata a casa. Ho studiato violoncello e sono uscita con gli amici.

Anna: Ciao Pietro.

Vox pop 3: Ciao.

Anna: Pietro, dove sei stato ieri?

Vox pop 3: Sono stato al Conservatorio a fare lezione di violoncello. Poi sono andato a casa. Ho cenato e poi sono andato a giocare a biliardo.

Anna: Mariateresa, sei riuscita a studiare la sinfonia?

Vox pop 4: No. Non sono riuscita a studiare la sinfonia, perché sono andata al concerto.
Episode 7 - A casa nostra

Watch the episode

Anna: Basilicata is one of the smallest Regions in Italy. Yet here, in Matera, one of the provincial capitals, are the oldest known dwellings in the Country. "I Sassi". Some of these cave – like homes built into the cliffs are well over 3000 years old. I was invited here, to Basilicata, by my friends Peppe and Lucia who've just moved down here from Rome. Peppe's had a bit of trouble getting through to me on the phone, as he didn't have my office phone number.

Rudy: Pronto, chi parla?
Peppe: Buongiorno, sono Peppe. Chiamo da Rionero. C'è Anna per caso?

Rudy: No, Anna non c'è. Io sono il fratello. Lei è uscita molto presto, questa mattina, per andare in ufficio. Se vuole le do il suo numero.

Peppe: Sì. Grazie. Molto gentile.

Rudy: Un attimo. Il prefisso di Roma ce l'ha?

Peppe: Sì, sì. Zero sei, vero?

Rudy: Esatto. Il numero è: tre tre quattro otto (3 3 4 8), interno quattro tre due (4 3 2).

Peppe: Allora, ha detto: trentatré, quarantotto, interno 4 3 2. Grazie, buongiorno.

Rudy: Buongiorno. Prego.

Peppe: Ah, l'interno occupato? Sì, preferisco rimanere in linea. Sta suonando.

Anna: Pronto, chi parla?

Peppe: Ciao Anna. Sono Peppe. Come stai?

Anna: Ah, ciao Peppe. Mah! Insomma…Non c'è male. E tu?

Peppe: Io sto benissimo e anche Lucia. Sai abbiamo trovato un bellissimo appartamento in Basilicata e lo abbiamo comprato.

Anna: Che bello! Non conosco la Basilicata. Non ci sono mai stata.

Peppe: Allora perché non vieni a trovarci? C'è posto nell'appartamento.

Anna: Eh, mi dispiace, ma non posso. Ho troppo lavoro.

Peppe: Ma dai, lavori troppo. Perché non vieni a trovarci per un paio di giorni?
Anna: Sì. E' vero. Il lavoro…mi fa male…

Peppe: Allora vieni?

Anna: Volentieri. Ma subito, non posso.

Peppe: Ma quando vieni allora? Noi siamo comunque sempre qui.

Anna: Eh, posso venire verso il venti aprile.

Peppe: Il venti (20) aprile. Ma certo. Ti veniamo a prendere alla stazione di Rionero.

Anna: D'accordo. Ci vediamo il venti sera allora?

Peppe: OK. A presto. Ciao.

Anna: Ciao Peppe. Peppe e Lucia in Basilicata

Peppe: Allora perché non vieni a trovarci? C'è posto nell'appartamento.

Anna: Eh, mi dispiace ma non posso.

Peppe: Allora perché non vieni a trovarci? C'è posto nell'appartamento.

Anna: Eh, mi dispiace ma non posso.

Anna: Basilicata is a region of contrasts: hilltop towns, green valleys and snow capped mountains. When I arrived Lucia showed me my room.

Lucia: Allora Anna, questa è la tua camera…

Anna: Ah, simpatica! Posso usare i cassetti?

Lucia: Certo. Puoi sistemare qui la tua roba. C'è la televisione.

Anna: E come si accende?

Lucia: E' semplice. C'è il telecomando.

Anna: Ah…

Lucia: Ecco

Anna: … ecco il telecomando. Bene. Ah…Che bella camera luminosa.

Lucia: Ah, sono contenta. Senti, noi ceniamo alle nove stasera. Ti va bene?

Anna: Va benissimo! Grazie.

Lucia: D'accordo. Ci vediamo dopo.

Anna: A più tardi. Ciao.

Lucia: Ciao. Vieni, Anna. Ti faccio vedere il resto della casa.

Anna: Eh sì, è molto utile, se domani non ci siete.

Lucia: Certo. Questo è il piano di cottura: con quattro fornelli.

Anna: E come funzionano i fornelli?

Lucia: Molto semplice, guarda: basta girare e schiacciare.

Anna: Ah, ecco!

Lucia: Questa, invece, è la lavastoviglie.

Anna: Mmm.

Lucia: Così puoi aprire l'acqua.

Anna: E, il frigorifero?

Lucia: Da questa parte, vieni. Ecco! Se hai bisogno di qualcosa, serviti pure!

Anna: Grazie. Ma…la lavatrice, non c'è in cucina?

Lucia: No. La lavatrice è nel bagno di servizio. Adesso, Anna, io preparo un buon caffè! Peppe intanto ti fa vedere il bagno. Bene?

Anna: D'accordo. Torno subito. Ciao.

Peppe: Ecco, Anna, questo è il bagno. Qui hai il fon a parete, con una presa di corrente che puoi usare sempre. Il lavabo. Il tuo asciugamano.

Anna: Grazie.

Peppe: Qui c'è la vasca da bagno, con il miscelatore per l'acqua calda e fredda che puoi usare quando vuoi, perché lo scaldabagno è sempre attaccato.

Anna: Ah, bene. Poi mi faccio una doccia!

Peppe: OK. Poi c'è il…il bidet e il water.

Anna: The next morning at breakfast, we discussed where we would visit first…Ciao.

Lucia: Buongiorno.

Peppe: Buongiorno. Dormito bene?

Anna: Sì. Bene. Grazie. Mmm.

Peppe: Allora, cosa facciamo oggi?

Lucia: Eh, perché non facciamo una gita?

Anna: E dove? Eh, Peppe sei tu l'esperto. Lucia mi ha detto che conosci tutta la Basilicata. Ma, che cosa c'è di bello da vedere?

Peppe: Tanto. Basta scegliere. Ci sono i laghi di Monticchio. C'è Matera con i Sassi. Ci sono i castelli di Federico.

Anna: Mmm…

Lucia: Io ho una proposta da fare: oggi perché non facciamo un giro per la Basilicata, mmm? Domani, poi, andiamo in Puglia.

Anna: In Puglia?

Lucia: Sì. Ad Alberobello! Hai sentito nominare i Trulli, tu? Alberobello è famosa per i Trulli! Perché non andiamo lì?
Anna: Mah, interessante!!

Peppe: Non è una brutta idea. Passiamo una giornata in Puglia e oggi ti facciamo vedere la zona qui intorno.

Anna: Ah, beh, per me va bene. Ho sentito nominare il castello di Melfi, ma non ci sono mai stata.

Lucia: Eh, allora cosa aspettiamo? Andiamo!

Peppe: Perfetto.

Anna: Mmm.

Peppe: Allora, cosa facciamo oggi?
Lucia: Eh, perché non facciamo una gita?

Anna: Che cosa c'è di bello da vedere?

Anna: Mmm.
Peppe: Allora cosa facciamo oggi?
Lucia: Perché non facciamo una gita?

Anna: Che cosa c'è di bello da vedere? Today we're having a short tour through the region.

Peppe: I laghi di Monticchio hanno origini remote. Dalla preistoria, diciamo, ai tempi dei vulcani, delle grandi eruzioni…

Anna v/o: I was particularly keen to see the lakes of Monticchio…

Peppe: Queste erano in pratica due bocche di vulcano; che poi hanno dato origine a delle sorgenti.

Anna v/o: The pure spring water is bottled and sold throughout Italy. Peppe told us the lakes were originally two extinct volcanoes craters which then filled with water. Yesterday was a fascinating day out – è stata una bella gita in Basilicata – now we're off to Alberobello to see the unique conical houses known as "I Trulli".

Anna: Sì. Molto particolari, questi Trulli.

Lucia: Molto, sì.

Peppe: Belli.

Anna: E allora, cosa facciamo?
Peppe: Beh, guarda, i Trulli noi li abbiamo già visti.

Lucia: C'è il mercato oggi. Perché non andiamo al mercato?

Peppe: Bene. Allora. Qui c'è la casa di Ilenia. Tu puoi farti accompagnare da lei a guardare i Trulli. Noi andiamo al mercato.

Anna: D'accordo. A più tardi.

Beppe: Ciao.

Anna: Ciao.

Lucia: Ciao.

Anna: This is a Trullo, one of 2000 here in Alberobello, the capital of the Trulli region. Some were built in the 1500's and the idea of conical houses came from Greece, centuries before that. Because of its thick stone walls, a Trullo is cool in the hot summers of Southern Italy.These young people not only live in a Trullo but make model Trulli to sell as souvenirs…

Boy: Eh, ho sedici anni e vado ancora a scuola e il pomeriggio mi dedico ai Trulli.

Girl: Sto facendo la riproduzione dei Trulli.

Anna: Ciao.

Ilenia: Ciao. Sono Ilenia. Ti porto a visitare il Trullo di mia nonna.

Anna: Volentieri! Grazie.

Ilenia: Permesso?

Anna: Permesso?
Grandmother of Ilenia: Avanti, avanti.

Ilenia: Ciao nonna.

Grandmother of Ilenia: Ciao.

Ilenia: Un mia amica, Anna.

Anna: Signora, buongiorno.

Granmother of Ilenia: Signora, buongiorno.

Anna: Che bello!

Ilenia: Ti piace?

Anna: Molto.

Ilenia: Qui abbiamo la stanza da letto, dove riposa mia nonna, dove dorme. Qui invece, sulla mia sinistra, abbiamo la cucina. Da notare i due modi di cucinare: quello a gas e quello a legna. Adesso vediamo la camera da letto matrimoniale…

Anna: Mmm

Ilenia: …con un letto molto antico di circa cent'anni. Qui il bagno si trova fuori in quanto è un Trullo autentico, adiacente al giardino.

Anna: Mentre nell'altro, il bagno è dentro.

Ilenia: E' dentro, sì.

Anna: Va bene, saluto tua nonna.

Ilenia: Sì.

Anna: Signora, grazie tante,

Granmother of Ilenia: Un piacere

Anna: E' un bellissimo posto. Arrivederla.

Granmother of Ilenia: Buongiorno.

Anna: Buongiorno.

Ilenia: Buongiorno.

Anna v/o: I was interested in finding out how much it would cost to rent a Trullo…

Anna: Buongiorno.

Maria: Buongiorno.

Anna: Signora, mi può dire quanto costa affittare un Trullo?

Maria: Certo. Un Trullo, eh..da due posti letto, costa…eh.. cinquecentomila (500000) lire. Da quattro posti letto, invece, ottocentomila (800000) lire.

Anna: Alla settimana?

Maria: Alla settimana.

Anna: Ma nel prezzo è tutto compreso?

Maria: Certo. E' tutto compreso. E' compresa la biancheria, sono comprese le stoviglie, le parlo anche di pentole perché chiaramente il Trullo è attrezzato di cucina, eh..è compreso il riscaldamento, è compresa la luce. E' compreso tutto quello di cui uno ha bisogno per il soggiorno.

Anna: Bisogna pagare un anticipo?

Maria: Certo. Si dà un anticipo e poi, alla fine del soggiorno, eh…si dà il saldo.

Anna: E qual è la stagione migliore per venire qui?

Maria: Beh, tutte le stagioni sono buone perché d'inverno, per esempio, ci trova i Trulli con la neve, che qua di solito nevica ed è molto bello. D'estate, poi, è favoloso.

Anna: Grazie. Signora, mi può dire quanto costa affittare un Trullo?

Agent: Certo.

Anna: Ma nel prezzo è tutto compreso?

Agent: Certo.

Anna: Signora, mi può dire quanto costa affittare un Trullo?

Agent: Certo.

Anna: Ma nel prezzo è tutto compreso?

Agent: Certo.

Peppe: Queso, forse, è più interessante. Guarda.

Lucia: Sì, ma molto grande. Non, non ci entra lì …

Anna: Meanwhile, Peppe and Lucia are picking up some bargains in the street market.

Peppe: Dico che questo va bene invece.

Lucia: Bello!

Anna: Peppe is very interested in this "oliera" – a special hand made jug for pouring olive oil…

Peppe: C'è tutto… una serie di…molto interessante…Chiedo il prezzo.

Lucia: Artigianato sì…

Peppe: Chiedo il prezzo?

Lucia: Sì, sì.

Peppe: Scusi, quanto costa?

Stallkeeper: Trentacinque (35).

Peppe: Si può avere uno sconto?

Stallkeeper: Un piccolo sconticino si può fare. Venticinque (25), scontato.

Peppe: Venticinque (25).

Stallkeeper: Sì.

Peppe: Me lo incarti. Grazie.

Lucia: Grazie. Grazie.

Peppe: Scusi, quanto viene una rosa?Tremila (3000)? Me la può incartare?

Anna: Allora, com'è andata al mercato? L'avete girato?

Lucia: Molto. Abbiamo visto tante cose: formaggi, verdure, abbigliamento. Tantissimi fiori. Peppe mi ha comprato addirittura una rosa, guarda.

Anna: Bella!

Lucia: Sa, che mi piacciono molto, i fiori.

Peppe: Poi abbiamo comprato anche un'oliera. Perché ci piace molto l'insalata condita nel piatto.

Anna: Io, invece, ho imparato tantissime cose sui Trulli. Ah, poi la vostra amica ci ha invitato tutti stasera a una festa in campagna.

Peppe: Che pensi, Lucia, ci andiamo anche noi?

Lucia: Eh, veramente abbiamo tanti impegni per domani. Perché non ci vai tu, Anna, che non conosci quella zona? Domani ci dici se ti sei divertita.

Anna: D'accordo! "La festa" took place at a large house in the country where they're keeping alive the folk culture of Puglia. I talked to some of the guests about why the liked living in Puglia…Ti piace la Puglia?

Girl 1: Sì, la Puglia mi piace molto.

Anna: E conosci Alberobello?

Girl 1: Sono nata ad Alberobello e amo molto il mio paese.

Anna: Ti piace il vino?

Girl 2: Sì, il vino mi piace molto. E' molto buono.

Man: Eh, il vino pugliese è il migliore del Meridione.
Episode 8 - Che giornata!

Watch the episode

Anna: Geographically speaking, the region of Puglia is the heel of Italy and one of the most prosperous regions in the south: Il Mezzogiorno. Many different civilizations left their mark here, Greek and Roman, Spanish and French as well as Arab and Byzantine. The thirteenth century emperor, Frederic II, built castles all over the area. None more dramatic and famous than this one: Castel del Monte. I'm on my way to the small town of Lecce, where I've arranged to meet my friend Alberto. From there we are driving down to the fishing port of Gallipoli, to meet Cioto who is going to take us by boat to the southern – most tip of Puglia: Santa Maria di Leuca. This trip took some time to arrange, because we couldn't both get the same days off work. When I phoned Alberto at home, he still hadn't sorted out the dates. Cinque sette sette due sei uno. Pronto, Alberto? Con chi parlo, scusi? Con chi, scusi? La linea è disturbata. Con Angelo? Ma che numero ho chiamato? Ah, ho capito! Cinque sette sette due sette uno. Mi dispiace! Ho sbagliato numero. Buonasera. Con chi parlo scusi? Con chi parlo scusi? Mi dispiace, ho sbagliato numero. Mi dispiace, ho sbagliato numero.

Anna: Spero di non sbagliare questa volta. Cinque sette sette due sei uno. Pronto? Alberto, sei tu?

Alberto: Sì, sono io. Ciao Anna.

Anna: Ciao Alberto. Allora hai deciso? Puoi venire?

Alberto: Mah, non lo so ancora. Quando pensi di partire esattamente?

Anna: Mah! Veramente non ho ancora deciso. Probabilmente la settimana prossima, fra…mah… il due e il cinque maggio. Come vuoi tu, insomma. Non ho deciso niente ancora.

Alberto: Mah, per me è lo stesso. Non ho molti impegni in quel periodo.

Anna: Ah, perfetto! Allora, perché non partiamo tra una settimana? Il tre maggio, per esempio.

Alberto: Benissimo. Ma ti dispiace se ti richiamo fra poco per confermare? Sai, preferisco controllare la data sulla mia agenda e non ce l'ho qui con me.

Anna: Va bene. A presto allora.

Alberto: Sì, ci sentiamo dopo. Ciao.

Anna: Ciao. Pronto?

Alberto: Ciao Anna, sono Alberto.

Anna: Ciao Alberto.

Alberto: Ti chiamo velocemente per confermare la partenza il tre maggio.

Anna: Meno male. E dove c'incontriamo?

Alberto: Davanti al Teatro dell'Opera di Lecce.

Anna: Davanti al Teatro dell'Opera di Lecce. A che ora?

Alberto: Verso le dodici.

Anna: A mezzogiorno, davanti al Teatro dell'Opera di Lecce! Ci rivediamo il tre. Ciao.

Alberto: Ciao.

Anna: Lecce is a beautiful quiet town important in roman times and famous now for it's many baroque churches. I had arranged to meet Alberto outside the opera house… Scusa, mi puoi dire se questo è il Teatro dell'Opera?

Passer by (si chiama Rita): No, hai sbagliato teatro. Devi continuare per questa strada, devi prendere la seconda a destra, all'angolo c'è una bella chiesa barocca, devi continuare per quella strada.

Anna: Allora: prendere questa strada, la seconda a destra, alla chiesa barocca sempre dritto.

Passer by: Se vuoi ti accompagno io.

Anna: Ah, non voglio darti troppo fastidio.

Passer by: Figurati! Facciamo la strada insieme.

Anna: Grazie. Mi fa piacere. Sei gentile.

Passer by: Andiamo.

Anna: Sì. Scusa, mi puoi dire se questo è il teatro dell'Opera? Scusa, mi puoi dire se questo è il teatro dell'Opera?

Passer by: No, hai sbagliato teatro. No, hai sbagliato teatro.

Anna: I had been waiting outside the wrong theatre…

Alberto: I was waiting patiently outside what I thought was the opera house. Was this the right place?…Is this where I arranged to meet Anna or was it somewhere else?…I'm really worried now. I ask a passer-by if this is the opera house… Scusi, questo, che teatro è?

Passer by: Il Politeama.

Alberto: Il Politeama?

Passer by: Sì.

Alberto: Ah! Ma c'è un altro teatro in città?

Passer by: Eh, sì.

Anna: Ah! Finalmente! Ecco il teatro! E c'è anche il mio amico Alberto. Ma non ha l'aria molto contenta. Sono in forte ritardo.

Passer by: Beh, io ti lascio. Devo scappare. Tra poco devo tornare in ufficio.

Anna: Grazie tante.

Passer by: Non c'è di che.

Anna: Ciao.

Passer By: Ciao.

Anna: Ciao.

Alberto: Ciao. Finalmente! Cosa è successo?

Anna: Eh, mi dispiace se sono in ritardo, Alberto, ma ho sbagliato teatro!

Alberto: Eh, l'avevo capito!

Anna: Colpa mia.

Alberto: Senti ti presento il dottor Nanni.

Anna: Piacere.

Dott. Nanni: Piacere, Nanni, piacere.

Alberto: Che mi ha spiegato che a Lecce ci sono due teatri.

Anna: Ah!! Ma noi dobbiamo partire per Gallipoli. Ma perché prima non andiamo al bar a prendere qualcosa?

Dott. Nanni: Perché invece non andate a mangiare gli "Arancini", la specialità di Lecce?
Anna: Volentieri. E Lei ci fa compagnia?

Dott. Nanni: Sì.

Anna: Ah, ecco un tavolo!

Alberto: Ah, ecco!

Anna: Bene, Mmm, che fame!

Alberto: Ah, non vedo l'ora.

Anna: Allora questi sono i famosi "Arancini"!

Alberto: Sono caldi, caldi. Guarda.

Dott. Nanni: Sì. Eh, sì.

Anna: Mmm. Allora, assaggiamo.

Alberto: Con cosa li fanno? Col riso e il formaggio anche?
Dott. Nanni: Allora, vi piacciono gli "Arancini"?

Alberto: Sì, sono buonissimi!

Anna: Mmm! Anche a me piacciono tanto. Dopo ne prendo un altro. E tu Alberto?

Alberto: No, io no. Basta così. Io non ho più fame…

Anna: Ah!! Oh! No! mi si è macchiata la gonna!!!

Alberto: Come mi dispiace!

Anna: Ah, Ufff, pazienza! Non importa. Mah, non è niente. Tanto non è nuova.

Alberto: Ragazzi, è ora di partire, se vogliamo arrivare all'appuntamento con Cioto.

Anna: Ah, è vero. Andiamo. The arancini was delicious but I was rather annoyed that it had stained my skirt. However, we were looking forward to meeting our friend Cioto in the picturesque fishing port of Gallipoli…

Alberto: Siamo quasi arrivati. Hai visto il cartello per Gallipoli sulla destra?

Anna: Ah, meno male. E che ore sono?

Alberto: Sono le tre e mezza. A che ora abbiamo appuntamento con Cioto?

Anna: Alle quattro, vicino alla fontana greca.

Alberto: E tu conosci la strada, Anna?

Anna: Eh, no, io non la conosco. Ah, e mi sono dimenticata di portare la pianta della città. Tu ne hai una, Alberto?
Alberto: Eh, non l'ho portata neanche io!

Anna: Ah, pazienza. Quando arriviamo in città, chiediamo la strada, in centro.

Alberto: E tu conosci la strada, Anna?

Anna: Eh, no, io non la conosco.

Alberto: E tu conosci la strada, Anna?

Anna: Eh, no, io non la conosco. Mea culpa – my fault, I had forgotten to bring a map of the town…and there was more trouble in store…

Alberto: Oddio, i carabinieri!! E ora come facciamo?

Anna: Perché?

Alberto: I documenti. Non ho la patente con me.

Anna: Come non ce l'hai? Ma lo sai che non è permesso circolare senza un documento d'identità!

Alberto: Lo so, Anna. Ma non so proprio dove ho messo la patente.

Anna: Speriamo bene!!

Alberto: There seemed to be Carabinieri cars everywhere and I have lost my driving licence – la patente.

Anna: Alberto, perché ci fermiamo?
Alberto: C'è qualcosa che non va.

Anna: Oddio! Che cosa abbiamo combinato adesso?

Alberto: Non lo so, Anna. Adesso controllo.

Anna: Stiamo qui un attimo allora?

Alberto: Sì.

Anna: This is turning out to be quite a day. Now there's something wrong with the car…Allora, mi puoi dire che cosa è successo?

Alberto: Che guaio! Abbiamo bucato.

Anna: E come facciamo adesso?

Alberto: Non ti preoccupare. Ora ci penso io.

Anna: Alberto, e questa cos'è?

Alberto: E' la mia patente! Ancora una vota mi hai salvato.

Anna: Eh, sono contenta. Ma adesso vuoi una mano?

Alberto: Eh, sì. Puoi andare a vedere se c'è un garage?

Alberto: I fixed the puncture quite easily and we soon found our way to the busy harbour at Gallipoli.

Anna: Che vento!

Alberto: Bello, eh?
Anna: Sì, bellissimo. Beh, io scatto una foto.

Alberto: Sì.

Anna: Fatto.

Alberto: Che bel mare!

Anna: Eh, un colore meraviglioso!

Alberto: Anche il sole è bello, eh?

Anna: Eh. Ma, e la fontana greca, dov'è?

Alberto: Eccola là.

Anna: Dove?

Alberto: Là.

Anna: Ah, là! Ma, andiamo, allora.

Alberto: Sì, andiamo. Ecco, questa è la fontana greca.

Anna: Bella eh?

Alberto: Molto! Ah, ecco Cioto.

Cioto: Ciao.

Alberto: Ciao

Cioto: Ciao. Salve. Ciao. Ciao Anna. Ciao.

Anna: Ciao.

Cioto: Ehi ragazzi, vi stanno facendo la multa. Non si può parcheggiare sul Lungomare.

Anna: Oh no!

Alberto: Ma tu conosci il vigile? Puoi fare qualcosa?

Cioto: Credo…non si può fare niente. Mi dispiace, dovete pagare la multa di 12000 lire credo!

Alberto: Ah, ma allora è proprio vero. Non c'è due senza tre. Che giornata!

Anna: Va bene. Non importa. Andiamo a farci un giro.

Cioto: Eh, andiamo. Vi porto al mercato del pesce.

Anna: Grazie. And now we've got a parking ticket! What a day! – Che giornata! Could anything else go wrong?We had at least found our friend Cioto at the greek fountain.

Anna: Ah, che bello qui, eh? Ma che giornata! L'appuntamento sbagliato, la gonna macchiata, poi la multa. Mmm.

Alberto: Domani è un altro giorno.

Anna: Eh, speriamo!

Cioto: Perché domani non andiamo in barca a Santa Maria di Leuca?

Anna: Eh, che bello!

Alberto: Sì, volentieri.

Cioto: Va bene.

Anna: Allora ci vediamo a casa tua?

Cioto: Benissimo.

Anna: D'accordo.

Cioto: Ciao.

Anna: Ciao.

Alberto: Ciao

Anna: Ciao.

Cioto: Ciao.

Boatman: Là sotto vediamo le grotte, si chiamano Cassapri.

Alberto: Si chiamano? (fades)…

Anna: So the next day we took a boat to the southern most tip of the heel of Italy – the lighthouse at Santa Maria di Leuca, where two seas meet – the Ionian sea and the Mediterranean.

Alberto: Si entra con la barca però, no?

Boatman: No, con la barca non si passa.

Alberto: A remi niente?

Boatman: No, nemmeno.

Alberto: A nuoto.

Boatman: In sintesi a piedi...

Alberto: Ah, a piedi.

Boatman: …si può tranquillamente fare una piccola passeggiata.

Alberto: A piedi senza bagnarsi?

Boatman: Sì, sì.

Alberto: O a nuoto?

Boatman: No, si arriva con la barca da dentro, di dentro con la barca poi può scendere a terra eh..

Alberto: Ah, ho capito.
Episode 9 - A caccia di funghi

Watch the episode

Anna: In Italy everyone likes mushrooms – a tutti piacciono i funghi. There's a tremendous variety of edible funghi growing up here in the mountains at un posto segreto molto bello, a lovely secret place not too far from Parma in Emilia Romagna. For most Italians it's a great day out. You have to start really early to find the very best funghi, the porcini. I arranged on the phone to meet Michela, well that is when I could hear her over the traffic. Michela liked the idea because she loves porcini.

Michela: Pronto, casa Alberti.

Anna: Ciao, Michela, sono Anna, come stai?

Michela: Ciao, benissimo e tu?

Anna: Anch'io grazie. Senti ti ho telefonato per sapere se hai voglia di andare a caccia di funghi.

Michela: Dove hai intenzione di andare?

Anna: Come hai detto? Non ti sento bene.

Michela: Ho detto: dove hai intenzione di andare?

Anna: Beh! Conosco un posto segreto, molto bello. La settimana scorsa ci ho trovato moltissimi funghi porcini.

Michela: L'idea mi piace e sono proprio stufa di studiare. E poi mi piacciono tanto i porcini!

Anna: Bene, allora vieni?

Michela: Volentieri. Posso portare un mio amico? E' simpaticissimo. L'ho conosciuto a Roma dagli zii.

Anna: Certo, perché no. Viene anche un altro mio amico, Paolo. Lo conosci?

Michela: Sì, sì, l'ho conosciuto a casa tua, l'anno scorso.

Anna: Ah! Già è vero. Bene, allora, ci troviamo tutti a casa mia sabato mattina.

Michela: Va bene, a che ora?

Anna: Beh, prestissimo. Verso le cinque (5). Bisogna alzarsi presto per trovare i funghi.

Michela: Va bene. Allora a sabato mattina. Ciao, ci vediamo presto. Ciao.

Anna: Scusa, come hai detto? Non ti sento. Scusa, come hai detto? Non ti sento. Il Sig Pierluigi Ferrari is the mayor of the town of Borgotaro, la capitale dei funghi porcini. Signor Ferrari, ma a Lei piacciono i funghi porcini?

Sig. Ferrari: Sì, mi piace andarli a cercare, ma preferisco mangiarli.

Anna: Certo. Perché Borgotaro si chiama la capitale dei funghi porcini?

Sig. Ferrari: Per la qualità del prodotto del fungo porcino e anche per l'importanza economica che il fungo porcino ha nella vallata.

Anna: It's early in the morning. Bisogna alzarsi presto per trovare i funghi. We are all here and we hope to find some mushrooms. Speriamo di trovare i funghi.

Michela: Che bella giornata per andare a funghi!!!

Anna: Sì, siamo proprio fortunati!!!

Michela: Speriamo di trovare funghi almeno.

Anna: Ne troviamo senz'altro. Ne ho visti tanti l'altro giorno.

Paolo: Meno male. Stasera li mangiamo tutti.

Totò: Ma li sai preparare, Paolo?

Paolo: Certo! Sono un esperto io!

Totò: Benissimo. Allora Anna, dove li hai visti questi funghi? Da che parte andiamo per trovarli?

Anna: Bisogna andare di qua. Sempre dritto. Andiamo. Dottor Zanzucchi, Lei è un esperto di boschi. Dove nascono i funghi porcini?

Dottore Zanzucchi: Nei boschi di castagno, di quercia e soprattutto di faggio quando le condizioni del clima e della temperatura e della luce sono adatti, perché il fungo si alimenta dalla pianta.

Anna: Che bello, ne ho trovati tanti!

Paolo: Ma dove? Io non ne ho visti.

Totò: Neanch'io. Non ho visto niente. Ho cercato dappertutto e ho ancora il cestino vuoto.

Michela: Ma voi ragazzi non sapete come fare. Bisogna avere pazienza per trovarli. I funghi ci sono, basta guardare bene.

Totò: Ho guardato, non ce ne sono.

Michela: Ci sono. Ce ne sono tantissimi! Guarda, ho il cestino pieno.

Paolo: Ma quanti ne hai lì dentro?

Michela: Ne ho almeno sette. Forse di più. Forse anche una decina.

Totò: Forza Paolo, ne dobbiamo trovare anche noi. Perché non provi? Non si sa mai!

Paolo: Ma non trovo mai niente, io. A me piace soprattutto mangiare i funghi. Comunque se insisti, provo anch'io. Ma Anna dov'è?

Michela: E' andata un po' più avanti, lì in fondo a sinistra, dietro quell'albero, non la vedi? Lei conosce i posti migliori.

Totò: Eh, e noi i posti peggiori! Andiamo Paolo, andiamo a vedere. Ho guardato benissimo, non ce ne sono. Ho guardato benissimo, non ce ne sono.

Michela: Ci sono. Ce ne sono tantissimi. Ci sono. Ce ne sono tantissimi.

Paolo: A me piace soprattutto mangiare i funghi.A me piace sopratutto mangiare i funghi.

Anna: Avete visto quanti funghi si trovano nel bosco? Io ho anche trovato alcuni porcini.

Michela: Ma dove?

Anna: Là a sinistra sotto l'albero.

Totò: Eh già! Sono porcini! Belli, grossi, sei fortunata Anna.

Michela: Quanti ne hai trovati in tutto?

Anna: Eh! Non lo so, il cestino è pieno. Però ho trovato solo tre porcini. Forse ne troviamo altri fra poco.

Paolo: Ragazzi! Porcini! Ne ho trovati altri tre!

Michela: Altri porcini? Sei sicuro?

Paolo: Certo, è facile riconoscerli. Anche se non è facile trovarli. Sono enormi! Giganteschi! E stasera li mangiamo tutti!

Michela: Quanti ne hai trovati in tutto? Quanti ne hai trovati in tutto?

Paolo: Ragazzi! Porcini! Ne ho trovati altri tre. Ragazzi! Porcini! Ne ho trovati altri tre.

Anna: You don't have to go "a caccia di funghi" to enjoy porcini. For over a hundred years firms like this have been selecting and packaging dried mushrooms; "funghi secchi", to send all over Italy and abroad. Lei, signora, cosa sta facendo?

Lady 1: Sto scegliendo i funghi belli da quelli meno belli. I belli vanno in uno scatolone, i brutti vanno nello scarto.

Anna: Grazie.

Lady 1: Prego. Sto scegliendo i funghi belli da quelli meno belli.

Anna: Signora, cosa sta facendo?

Lady 2: Sto scegliendo dei funghi per metterli nelle scatole e poi pesarle, perché tutte le scatole devono essere circa cento (100) grammi.

Anna: E Lei, signora, cosa sta facendo?

Lady 3: Devo pesare queste scatole, perché devono avere il peso di cento (100) grammi. Un etto.

Anna: Signora, cosa sta facendo?

Lady 4: Sto scegliendo i funghi per poter confezionare il cestino. Sto scegliendo i funghi per poter confezionare il cestino.

Anna: The factory's managed by Giuseppe Procida. It was founded at the end of the last century by his wife's great grandfather.

Sig. Procida: E' aperta da oltre cento (100) anni.

Anna: Sì.

Sig. Procida: L'ha fondata il bisnonno di mia moglie.

Anna: Aaa.

Sig. Procida: Questa è il mercato dei funghi di quell'epoca.

Anna: Interessante! E da dove vengono i funghi secchi?

Sig. Procida: Principalmente, dalle nostre montagne, dove ci sono persone esperte che vanno a raccogliere i funghi, dopo di che, li puliscono, li tagliano, li affettano, li fanno essiccare e li portano a noi per la produzione. If you are uncertain whether to choose between "funghi freschi" and "funghi secchi" and there is even mushrooms preserved in oil, "funghi sott'olio", the best thing to do is to go to a specialist funghi shop for the whole range.

Anna: Buongiorno signora.

Shop assistant: Buongiorno signorina.

Anna: Che profumo!

Shop assistant: Ha bisogno?

Anna Mazzotti: Sì. Che tipo di funghi vende in questo negozio?

Shop assistant: Dunque, nel mio negozio vendo i funghi secchi, i funghi sott'olio, i funghi freschi quando ci sono.

Anna: Bene. E questi quanto costano?

Shop assistant: Questi quindicimila (15000).

Anna: E questi?

Shop assistant: Ventimila, all'etto, sempre.

Anna: Bene, io prendo questi.

Shop assistant: Sì.

Anna: Un etto. Ma Lei signora, quali funghi preferisce?

Shop assistant: I funghi secchi.

Anna: Ah, e perché?

Shop assistant: Perché faccio tanti piatti diversi, in cucina.

Anna: Bene. Buoni! A tutti piacciono i funghi. E' difficile prepararli?

Mayor: No. C'è una ricetta semplice. Trifolati. Bisogna tagliarli a pezzi e farli cuocere in padella. Bisogna tagliarli a pezzi e farli cuocere in padella.

Anna: E' difficile riconoscere i funghi velenosi?

Mayor: Può essere difficile riconoscere i funghi velenosi dai funghi commestibili. L'importante è chiedere l'aiuto di un esperto.

Anna: Ecco, chiedere l'aiuto di un esperto.

Paolo: Ecco le tagliatelle!

Anna: Mmm, allora buon appetito!

Michela: Buon appetito.

Paolo: Buon appetito.

Michela: Uhm! Che buone!

Paolo: Ti piacciono, Totò?

Totò: Sì, mi piacciono moltissimo. Ma le hai cucinate proprio tu?

Paolo: Certo! Sono un esperto io!

Anna: Mi passi un po' di vino per favore? Paolo certainly was the expert cook he claimed to be when we went mushroom picking. He prepared for us a delicious meal of "tagliatelle ai funghi".

Michela: Un brindisi allora. Vai.

Anna: Vai.

Michela: Alle tagliatelle.

Anna: Cin cin.

Totò: Cin cin.

Paolo: Cin.

Totò: Adesso lasciatemi mangiare, eh.

Michela: Buon appetito.
Episode 10 - La moda

Watch the episode

Anna: Sono a Roma, in una delle piazze più conosciute e romantiche della città: Piazza di Spagna. This historic area is also the heart of Rome's thriving and glamorous fashion scene. The famous names of "l'Alta Moda Italiana" are all here. With distinctive shops along the elegant Via Condotti.

Anna: Signora, perché viene in Via Condotti?

Lady 1: Eh, per passeggiare e vedere le vetrine.

Anna: Signora, perché è qui a Via Condotti?

Lady 2 with daughter: Perché è una bella via, ha bei negozi…e…la via più bella e elegante di Roma, praticamente.

Anna: One of Italy's most successful designers is Renato Balestra. For the past two years he's coordinator of the Fashion Designers Guild: La Camera Nazionale della Moda Italiana, which organises Italy's major fashion shows.

Anna: Signor Renato Balestra, come ha iniziato la sua carriera di stilista dell'alta moda?

Renato Balestra: Ma, dunque…io l'ho cominciata..e… facendo ingegneria, per cui assolutamente digiuno di tutto quello che è la moda, il mondo della moda. E ho cominciato studiando, però, arte cioè facendo pittura, facendo musica. Ho fatto 18 anni di pianoforte. Ho fatto tante cose.

Anna: La moda italiana è diventata un fatto economico importante. A tutti piacciono gli stilisti italiani. Secondo Lei, come sono riusciti ad avere tanto successo?

Renato Balestra: Ma, perché la moda italiana forse è più fresca della moda francese, io trovo. La moda francese ha una lunga tradizione, è un po' incamerata in certi canoni, forse. La moda italiana è più viva, è più colorata, è più giovane, forse, è più vivace e forse anche gli stessi stilisti sono, sono…provengono da vari settori. Non tutti han cominciato con la moda o col disegno, ecco, come me, per esempio, che vengo dall'ingegneria, chi arriva dall'architettura, chi arriva da,… da..da studi diversi insomma, studi…sempre, normalmente che hanno qualche cosa da fare con l'arte.

Anna: Secondo lei, l'artigianato italiano è un fattore fondamentale?

Renato Balestra: Certamente è un fattore molto importante. Noi abbiamo in Italia quello che chiamiamo "le mani d'angelo", che io chiamo "le mani d'angelo". Cioè le mani più, più brave, più, più più artigianali forse del mondo. Tant'è vero che anche i sarti stranieri, per esempio i sarti francesi, vengono a iniziare e a collaborare con le… con le...con le case, con le case italiane di tessuti, di confezione, italiane perché ci sono queste mani favolose.

Anna: Signora che cosa ha comprato?

Lady 2: Ho comprato una giacca da Max Mara.

Anna: E…si può dire quanto l'ha pagata?

Lady 2: L'ho pagata tre e ottantasette (387).

Anna: Che cosa hai comprato?

Lady 3: Ho comprato un completo pantaloni e giacca. E l'ho comprato alla fine di questa strada, sulla destra, in un negozio che si chiama Bettina e…

Anna: Quanto l'hai pagato?

Lady 3: L'ho pagato 120000 lire.

Anna: Che cosa hai comprato?

Lady 4: Ho comprato un pantaloncino, un bermuda.

Anna: E… di che colore?

Lady 4: Grigio.

Anna: E…quanto l'hai pagato?
Lady 4: L'ho pagato 130.

Anna: E…me la fa vedere?

Lady 2: Certo. La devo scartare, eh.

Anna: I'm going to meet the youngest designer to be admitted into the exclusive circle of l'Alta Moda. He has a smart salon and workshop here in Via Condotti; but lives just round the corner, a pochi passi da qui, nel vecchio quartiere aritistico. Si chiama Francesco Maria Bandini. Buongiorno.

Bandini: Buongiorno.

Anna: Sono Anna Mazzotti.

Bandini: Francesco Bandini. Prego, entri.

Anna: Piacere. Permesso?

Bandini: Prego si accomodi.

Anna: Grazie. Signor Bandini, Lei è uno dei designers più conosciuti in Italia e senz'altro quello più giovane. Quando esattamente ha cominciato la sua carriera di designer?

Bandini: Ho cominciato nel 1984.

Anna: E, che cosa ha fatto prima di cominciare a disegnare vestiti?

Bandini: Ho fatto molte cose, per esempio architettura.

Anna: Le piace studiare, nonostante i suoi impegni, e i suoi successi nel campo della moda?

Bandini: Certamente. Sì l'architettura prepara molto bene per il design.

Anna: Ho capito. Quindi, per Lei la moda è solo un aspetto del suo interesse generale per il design?

Bandini: Certamente.

Anna: Ho capito. E dove lavora? Qui nel suo appartamento?

Bandini: Sì, qui sopra. An…andiamo, le faccio vedere. Ecco, questo è il mio studio. E qui è dove disegno.

Anna: E quante ore lavora al giorno?

Bandini: Eh…cinque ore.

Anna: E che cos'altro ha fatto nel campo del design?

Bandini: Mah, finora ho realizzato un orologio e questa casa. Il resto sono idee.

Anna: E l'orologio, l'ha venduto?

Bandini: Ancora no. Aspetto.

Anna: Tra le cose che ha disegnato, quale preferisce? Quale le piace di più?

Bandini: Mah, tutte e nessuna.

Anna: Da che cosa prende l'ispirazione?

Bandini: Mah, dall'arte in genere. Poi la trasformo secondo i miei gusti.

Anna: Ma torniamo al campo dell'Alta Moda. Lei lavora sempre qui, da solo, in via Margutta?

Bandini: Sì, qui lavoro da solo; poi a Via Condotti ho delle persone che mi aiutano a realizzare questi miei pensieri. Possiamo andare, se vuole.

Anna: Molto volentieri.

Bandini: Andiamo.

Anna: Tra le cose che ha disegnato quale preferisce, quale Le piace di più? Tra le cose che ha disegnato quale preferisce, quale Le piace di più?

Bandini: Possiamo andare se vuole.

Anna: Molto volentieri.

Bandini: Andiamo. Possiamo andare se vuole.

Anna: Molto volentieri.

Bandini: Andiamo.

Anna: E allora dove andiamo?

Bandini: Andiamo a via Condotti, ti faccio conoscere…

Anna: Mi fai conoscere tutti i membri della famosa…

Bandini: …Della famosa…

Anna and Bandini: Ditta Bandini.

Anna: Ecco, ti ringrazio.

Anna: Bandini's workshop overlooking the shops in the Via Condotti is a busy place – this is where the clothes he designs are made – and where clients come for fittings.

Bandini: Prego si accomodi. Questa è la sartoria. Loro sono le persone che lavorano con me. Lei è Antonietta che sta preparando un vestito.

Anna: Buongiorno signora Antonietta.

Antonietta: Buongiorno.

Anna: Le dispiace spiegarmi cosa sta facendo?

Antonietta: Eh…sto misurando del tessuto per tagliare delle maniche. Eh…sto misurando del tessuto per tagliare delle maniche.

Anna: Ho capito. Quindi prima di tagliare e di cominciare a cucire l'abito, Lei ha molto da fare?

Antonietta: Eh abbastanza.

Anna: Ma Lei ha mai sbagliato?

Antonietta: Sì, e gli errori costano cari!

Anna: Ma chi sceglie la stoffa?
Bandini: La stoffa la scelgo io, e in caso la disegno.

Anna: E chi la ordina?

Bandini: La ordina mia madre, che si occupa del lato commerciale.

Anna: Qui a Via Condotti?
Bandini: Qui a Via Condotti. Prego, La presento a mia madre.

Anna: Grazie.

Bandini: Prego, si accomodi. Prego, si accomodi.

Anna: Le dispiace spiegarmi cosa sta facendo? Le dispiace spiegarmi cosa sta facendo?

Bandini: Prego, La presento a mia madre. Prego, La presento a mia madre.

Signora Alba: Pronto, sartoria Bandini. Buongiorno, sono la signora Alba. Sì, il suo vestito è già pronto; però, un attimo e controllo in sartoria. Eh…Antonietta, è pronto l'abito della contessa Decci? Un attimo.

Antonietta: Sì, ecco.

Signora Alba: Ah, è pronto. Sì, signora, l'abbiamo qui. Vuol passarlo a prendere o vuole che lo mandiamo noi? Scusi, non la sento bene, può ripetere? Ah, ho capito, Lei non può prenderlo oggi, perché è rimasta a Milano, ehm,…se Lei non è sicura quando può tornare, a Roma, perchè non ci richiama? Fra una settimana. Ce l'ha il nostro numero? Eh…grazie, molto gentile, buongiorno.

Signora Alba: Scusi, non la sento bene, può ripetere? Scusi, non la sento bene, può ripetere?

Signora Alba: Perché non ci richiama fra una settimana? Ce l'ha il nostro numero? Perché non ci richiama fra una settimana? Ce l'ha il nostro numero?

Anna: Signora Alba, Lei è la direttrice della sartoria Bandini?
Signora Alba: Sì, io sono la direttrice e mio figlio è lo stilista.

Anna: Vedo che riesce ad accontentare le sue clienti, chi sono?

Signora Alba: Sono delle clienti italiane e abbiamo anche delle clienti straniere importanti.

Anna: E vengono sempre qui in Via Condotti per scegliere?

Signora Alba: Sì, riescono anche a stare tutto il giorno da noi.

Anna: Ah, beate loro!! Signora, è difficile trattare con le sue clienti?

Signora Alba: No, debbo dire che le nostre clienti diventano sempre amiche, perché sappiamo consigliarle bene.

Anna: Mi permette di vedere i vostri nuovi vestiti?

Signora Alba: Cosa preferisce vedere?

Anna: Degli abiti da sera.

Signora Alba: Prego, si accomodi.

Anna: Grazie.

Anna: Signora, mi permette di vedere i vostri nuovi vestiti? Signora, mi permette di vedere i vostri nuovi vestiti?

Signora Alba: Cosa preferisce vedere? Cosa preferisce vedere?

Anna: Mhm…, eh…quello lì mi piace molto!

Bandini: Davvero Le piace?

Anna: Sì. E' proprio bello! Quel vestito…mi piace un po' meno.

Bandini: Non Le piace il colore?

Anna: Sì. Mi piace, ma preferisco l'altro.

Young lady next to Bandini: Che bel modello! Le sta proprio bene!

Bandini: Eh, sì. Effettivamente le sta proprio bene!
Episode 11 - La settimana bianca

Watch the episode

Anna: Piemonte means at the foot of the mountain, and this resort Sauze d'Oulx, in the Piemonte region, is in fact at the foot of three hundred miles of snow capped peaks. The major cities in northern Italy are rarely more than an hour or so's drive from the mountains. So, it is hardly surprising that Italians don't feel the year is complete without una settimana bianca, a white week in the snow. Alberto has come up from Rome for his settimana bianca. He hasn't skied since he was at school, so he's a bit rusty. So, before he goes on to the slopes, he's got to get the right gear.

Paolo: Buongiorno.

Alberto: Buongiorno.

Paolo: Desidera?

Alberto: Eh…Mi serve un paio di scarponi.

Paolo: Sì. Eh…Che numero porta Lei?

Alberto: Mah, di scarpa il quarantadue (42), però di scarponi non lo so.

Paolo: Io le faccio provare adesso uno scarpone tradizionale a quattro ganci. Si alzi in piedi. Pieghi il ginocchio.

Alberto: Uhm…ma Lei quale mi consiglia?

Paolo: Mah, questi sono i più moderni, sono i più comodi…

Alberto: Ah.

Paolo:…ed anche i più leggeri.

Alberto: Li provo?

Paolo: Le dita riesce a muoverle?

Alberto: Sì.

Paolo: Dovrebbe andar bene allora.

Alberto: Sì, sì, va bene. Grazie.

Paolo: Prego. Le servono anche gli sci?

Alberto: Sì, mi servono anche gli sci.

Paolo: Per quanto tempo le servono?

Alberto: Per una settimana.

Paolo: Va bene. Allora se vuole rimettere il dopo-sci.

Alberto: Sì.

Paolo: Adesso le faccio vedere che sci le posso offrire.

Alberto: Grazie.

Alberto: Bene, allora sono a posto?

Paolo: Sì. Lei è pronto per la neve!

Alberto: Grazie.

Paolo: Grazie a Lei e buon divertimento.

Alberto: Eh…Mi serve un paio di scarponi.

Paolo: Sì.

Alberto: Ma Lei quale mi consiglia?. Le servono anche gli sci? Sì, mi servono anche gli sci.

Mauro: Allora…ben piegati in avanti…con le mani in avanti, prima da una parte…poi su…piegare dall'altra…su…e ci fermiamo. Prova Alberto. In avanti…così…

Alberto: Così va bene eh?

Mauro: Beh, insomma…però così non riuscirai a mantenere l'equilibrio, Alberto!

Alberto: Ahi, Aiuto! E allora come devo fare?

Mauro: Devi fare attenzione, e stare molto più in avanti e spingere verso l'esterno con i piedi. Hai capito?

Alberto: D'accordo. Allora riproverò.

Mauro: Va bene. Guarda. Devi girare il busto verso valle, parti e spingere bene verso l'esterno con i piedi. Con le ginocchia piegate in avanti. Così. Così. Provate tutti a farlo adesso. Questa volta andava meglio. Però devo darti un consiglio: le racchette, invece di tenerle così, devi tenerle in avanti.

Alberto: Ah, sì ho capito.

Mauro: Provate tutti, bambini. Le posizioni delle racchette in avanti. Tu, bene in avanti con le mani, proviamo ancora una volta e poi per oggi basta. Anche voi, mi raccomando, le racchette bene in avanti. Eh? Proviamo ancora una volta e poi basta, per oggi. Così, bene in avanti con le mani.

Alberto: Guarda ti faccio vedere io com'è. Così. E allora come devo fare?

Mauro: Devi fare attenzione.

Anna: They stopped for refreshments at a mountain caffè, Alberto asks Mauro why is Piemonte so popular with skiers and non skiers.

Alberto: Allora, Mauro, c'à tanto lavoro in questo periodo, vero?

Mauro: Sì, soprattutto questa settimana è proprio una delle più affollate della stagione.

Alberto: Senti, sono curioso di sapere una cosa.

Mauro: Sì, dimmi!

Alberto: Perché a tanta gente piace sciare in Piemonte?

Mauro: Innanzitutto perché è una delle zone più accessibili e in secondo luogo, perché lo sciatore può trovare tutto ciò di cui ha bisogno in questa regione.

Alberto: Certo questo è molto bello, ma per quelli che non vogliono solo sciare, cos'altro c'è da fare?

Mauro: Innanzitutto, ci sono le pinete, i boschi che permettono di fare delle bellissime passeggiate, ed inoltre si può fare lo sci di fondo, alpinismo, il pattinaggio negli stadi di pattinaggio artificiale.

Alberto: Quindi il turista non si annoia mai?

Mauro: Di sicuro non s'annoia e soprattutto questa settimana che è Carnevale!

Alberto: Ah, a proposito, a Carnevale fate qualcosa di particolare?

Mauro: Facciamo tantissime manifestazioni particolari. E guarda, proprio questa sera i maestri della scuola di sci fanno, ad esempio, la fiaccolata in costume.

Anna: It's a dramatic sight the ski instructors dressed in carnival costume and holding flaming torches ski down the mountain in procession. It's the next morning, the good conditions are attracting top skiers. Alberto is getting more confident – perhaps too confident.

Alberto: Ah. Oh. Ahi!

Mauro: Ti sei fatto male, Alberto? Stai fermo, non muoverti eh! Stai fermo!

Alberto: Non mi muovo. Non mi posso muovere.

Mauro: Stai tranquillo, un attimo e vado subito a chiamare aiuto.

Alberto: Sì, sì.

Mauro: Aspetta solo che ti tolgo questi sci. Non muoverti!

Alberto: Ahi, ahi!!

Mauro: E vado subito a chiamare aiuto.

Alberto: Sì, vai a chiamare aiuto, vai a chiamare aiuto…

Mauro: Stai tranquillo, non è niente, dai!

Alberto: Ahi, ahi ahi…

Mauro: Fermo così,…

Alberto: Ahi, ahi ahi...

Mauro:…no, no, tranquillo, che non ti faccio niente…è più la paura, tranquillo…stai tranquillo e vedrai che va tutto bene. Allora tu stai lì. Non ti muovi e io vado subito a cercare qualcuno. Ti sei fatto male, Alberto? Stai fermo, non muoverti eh!

Giorgio: Portatelo qui. Mettilo qua. Piano, piano, mettetelo qui. Cosa è successo? E' caduto?

Alberto: Sì. Son caduto.

Giorgio: Dov'è che Le fa male?

Alberto: Ma, un po' al petto, alle costole,…non…non lo so esattamente. Poi mi fa male soprattutto la gamba.

Giorgio: Sì. Vediamo il petto. Provi a inspirare, espiri lentamente. Alzi un braccio. Alzi l'altro. Provi a mettersi a sedere. Riesce?

Alberto: Sì, sì.

Giorgio: Va bene. Vediamo questa gamba.

Alberto: Ahi, sì, sì, mi fa molto male lì sotto al ginocchio.

Giorgio: Qui?

Alberto: Sì.

Giorgio: E' molto gonfiata. Vediamo questa radiografia. E' stato fortunato. Non si è rotto la gamba.

Alberto: Meno male! Allora, se non ho la gamba rotta, fra quanto posso uscire di qui?

Giorgio: Di qua uscirà tra mezz'ora. Ma adesso ha bisogno di una fasciatura.

Alberto: Ah. Ahi,…piano eh?

Giorgio: Piano, piano. Dovrà camminare qualche giorno con la gamba tesa.

Alberto: Eh, ma io volevo sciare! Ma posso sciare?

Giorgio: Eh no! non potrà sciare.

Alberto: Senza sciare per una settimana?
Giorgio: Potrà prendere solo il sole.

Alberto: Oddio, e cosa farò? Poor me I'm not allowed to ski for a week. Poi mi fa male soprattutto la gamba. Ahi, sì, sì, mi fa molto male lì sotto al ginocchio.

Anna: Ti sei divertita, oggi?

Lady 1: Sì, oggi mi sono divertita molto.

Anna: Fino a che ora hai intenzione di sciare?

Lady 1: Ho intenzione di sciare almeno fino alle quattro.

Anna: Vi siete divertiti oggi?

Man 1: Sì, ci siamo divertiti molto, oggi.

Anna: Fino a che ora avete intenzione di sciare?

Lady 2: Abbiamo intenzione di sciare fino alle quattro.

Anna: Oltre a sciare, che cosa vi piace fare durante la Settimana Bianca?

Man 1: Oltre a sciare, durante la Settimana Bianca, ci piace anche andare a ballare, pattinare, andare a mangiare fuori.

Alberto: Mi scusi, buonasera.

Receptionist: Buonasera signor Alberto. Che cosa si è fatto?

Alberto: Ma, niente di grave, una slogatura.

Receptionist: Ah, mi dispiace!

Alberto: Eh, dispiace anche a me! Sa dirmi se c'è la signorina Mazzotti?

Receptionist: No, ora non c'è. Vede la sua chiave è lì.

Alberto: Che peccato! E Lei non sa dirmi fra quanto tornerà?

Receptionist: Eh, non lo so. Se vuole lasciarle un messaggio ci penso io.

Alberto: Grazie. Molto gentile. Ma Lei ci sarà all'ora di cena?

Receptionist: Sì, sì, non si preoccupi. Sarò qui fino alle nove.

Alberto: Ah, va bene. Allora lascio un messaggio. Anna, è stato impossibile venire a pranzo. Mi sono fatto male stamattina, niente di grave, non preoccuparti. Sarò al bar dalle diciotto e trenta (18.30) fino a tardi. Vieni a trovarmi se puoi.

Anna: Alberto, grazie del tuo messaggio. Ma…ma hai la stampella! E la tua gamba? Ma che cosa ti è successo?

Alberto: Ma secondo te? Ho avuto un incidente. Sono caduto e sono stato anche in ospedale.

Anna: Ma che cosa hai combinato?

Alberto: Ma, Anna non ridere, non prendermi in giro!

Anna: Va bene. Non ti prendo in giro. Sul serio, come ti senti?

Alberto: Beh, non c'è male. La gamba però mi dà fastidio.

Anna: Eh, eh poveretto. Ma tra quanto potrai sciare?

Alberto: Mah, il dottore dice che dovrò stare senza sciare per una settimana.

Anna: Mi dispiace veramente. Ma che cosa facciamo in questi prossimi giorni?

Alberto: E chi lo sa? Ah, chi si vede! Mauro, il mio maestro di sci. Ciao Mauro, come stai?

Mauro; Ciao, Alberto. Io sto bene. Piuttosto tu non stai tanto bene.

Alberto: Eh, pazienza! Passerà! Senti, Mauro, ti presento la mia amica Anna Mazzotti.

Mauro: Piacere.

Anna: Piacere.

Anna: Mauro, Alberto mi dice che sei un bravissimo maestro di sci ma…ma allora sei anche un esperto della zona?

Mauro: Eh…io sono nato qui vicino. Per cui conosco molto bene questa zona.

Alberto: Ah benissimo! Allora ci potrai consigliare cosa fare nei prossimi giorni. Tu cosa ci suggerisci?

Anna: Eh, sì, magari invece di sciare possiamo fare un'escursione sulla neve? Cosa ci suggerisci?

Mauro: Beh, ci sono tanti bei posti da visitare. Infatti possiamo vederli tutti in una sola giornata! Però, dobbiamo alzarci la mattina presto!

Anna: E cioè?

Mauro: Verso le otto.

Anna: Hum…

Alberto: Non preoccuparti Anna, ci penso io a chiamarti.

Anna: Ma che cosa ti è successo? Sul serio, come ti senti? Tu cosa ci suggerisci? Mauro's surprise for us was to visit not just one place but to see the whole of the area from a helicopter. Including the ski resorts of Sestriere and Sauze d'Oulx.
Episode 12 - La riviera dei fiori

Watch the episode

Song: "Grazie dei fiori". Singer: Nilla Pizzi. Grazie dei fior, fra tutti gli altri li ho riconosciuti, mi han fatto male eppure li ho graditi, son rose rosse e parlano d'amor.

Anna: Sanremo, on the Ligurian coast, is well known throughout Europe for its annual song festival and for its casino. There is also a Russian Orthodox Church here, a rare sight in Western Europe, and scientist Alfred Nobel, creator of the Nobel Prize, lived here. But above all Sanremo is famous for its flowers and for being the centre of "La riviera dei fiori". The wholesale flower market is the largest in Europe. Growers arrive at four in the morning to sell their flowers for export all over the world. A whistle announces the start of buying and bargains are sealed with the flourish of a tiny order form. Ragionier Enrico Gerosa is a director of the flower market.

Enrico: Il mercato dei fiori di Sanremo nasce con l'inizio del secolo. Inizia l'apertura del mercato, inizia alle tre e mezza. Le contrattazioni iniziano alle cinque e mezza per il primo settore merceologico, che son tutti i fiori chiamati "mazzeria". Alle sei inizia la contrattazione delle rose. Alle sei e mezza inizia la contrattazione dei garofani. Il mercato si svolge a contrattazione diretta, ovvero il commerciante contratta il prezzo della merce direttamente con il produttore. Terminato e concluso il contratto, il produttore porta la merce venduta al magazzino o al camion del commerciante. Il mercato dei fiori rappresenta il cinquanta percento dell'economia di tutta la provincia. I fiori tipici della zona sono senz'altro i garofani, che qua vediamo in varie gradazioni di colori, poi abbiamo le margherite, le mimose e…la ginestra e poi praticamente tutti i fiori che qua coltivano…son circa duecentocinquanta (250) varietà di fiori. A me i fiori piacciono moltissimo. Sono una delle cose più belle che esistano.

Due uomini (uno è Giorgio Maiano): Questo tipo di piantine qua? Quello, lo stesso…

Anna: Giorgio Maiano is a flower exporter.

Giorgio: Io sono Giorgio Maiano e sono il compratore della ditta Marzia Flora di Sanremo. Il mio compito è quello di andare alla mattina sul mercato e controllare e scegliere la merce che ci serve per i nostri clienti… e varie…controllarne la qualità e soprattutto il prezzo, per poter poi servire nel modo migliore i nostri clienti.

Anna: Mi potrebbe spiegare un po' il vostro lavoro qui?

Giorgio: Allora. Il nostro lavoro si svolge in questo modo: noi prendiamo la merce che arriva dal mercato e la controlliamo tutta quanta e…per vedere che sia perfetta o se possiamo inviarla così ai nostri clienti per evitare poi eventuali reclami o altre…non so come dire…altre proteste, diciamo così.

Anna: In futuro, secondo Lei, le cose andranno bene nel suo settore? Che cosa succederà?

Giorgio: Eh…il futuro è una cosa un poco…incognita, ignota. Ma comunque, considerato che ci sarà l'abbattimento delle barriere e delle frontiere doganali, e roba del genere, avremo sicuramente qualche piccolo…problema perché ci saranno i mercati esteri che si inseriranno anche loro sui nostri mercati e quindi cercheranno di…contrastarci, ecco. Noi comunque punteremo sulla nostra qualità e quindi…saremo vincitori.

Song: "Grazie dei Fiori". Singer: Nilla Pizzi. Grazie dei fior, fra tutti gli altri li ho riconosciuti, mi han fatto male eppure li ho graditi, son rose rosse e parlano d'amor.

Anna: The warm, temperate climate creates ideal conditions for growing many different types of flowers. Roses, carnations, chrysanthemums, lilies, daisies, mimosa, are grown in these huge greenhouses "serre" which perch on the hillsides all around of the town.

Song: "Grazie dei fiori". Singer: Nilla Pizzi: Grazie dei fior…

Anna: Giacomo Torre grows carnations, "garofani".

Giacomo: Sono un coltivatore diretto di Sanremo e coltivo garofani e rose e altri fiori in generale.

Anna: Quanto tempo ci vuole per far crescere i garofani?

Giacomo: Dunque, normalmente si piantano intorno al periodo di maggio, giugno, e si raccolgono intorno al mese di..si raccoglieranno intorno al mese di settembre, ottobre e in tutto il periodo invernale. Quindi hanno una durata annuale, normalmente.

Anna: Vorrei sapere come fate per la vendita dei fiori.

Giacomo: Dunque…quando si arriva al momento di raccogliere, si raccoglie, si porta in un apposito magazzino, dove si confezioneranno e l'indomani mattina si venderanno a degli esportatori, a persone che acquistano e che poi in seguito loro esporteranno nei paesi esteri.

Anna: Quanto tempo ci vuole per far crescere i garofani? Quanto tempo ci vuole per far crescere i garofani?Vorrei sapere come fate per la vendita dei fiori.Vorrei sapere come fate per la vendita dei fiori.

Anna: Many local people rely on seasonal work in these large greenhouses. From growers like Francesco Sartore, who cultivates small roses in pots "rose in vaso".

Francesco: Ragazze, volevo farvi i complimenti, perché voglio farvi vedere come sono diventate le piante che avete piantato trenta (30) giorni fa.

Ragazza: Ah, quelle della serra tredici (13)?

Francesco: Sì, dell'altra serra. Guardate che belle radici che hanno fatto, in soli trenta (30) giorni.

Ragazze: Belle davvero. Stupende. Sono già fiorite!!

Francesco: Hanno già i fiori. Continuate a piantarle così, non…

Ragazza: Ah, sempre un po' in alto.

Francesco:…non andate troppo in profondità, così anche queste tra un mese saranno pronte per la consegna.

Ragazze: Bellissime, veramente. Bene. Bene.

Francesco: Buon lavoro!

Ragazze: Grazie. Grazie. Arrivederci.

Francesco: Mi chiamo Francesco Sartore e conduco, assieme a mio fratello Rinaldo, la ditta Nino Sanremo. Ci occupiamo di riproduzione di rose in vaso – di diversi tipi e diverse speci.

Anna: Quanti dipendenti ci sono?

Francesco: In questo momento sono trentaquattro (34). Poi nei mesi autunnali verso…a novembre, saranno diciotto (18), venti (20) e poi aumenteranno ancora nella primavera prossima.

Anna: Secondo Lei, come mai Sanremo è diventata la capitale dei fiori?

Francesco: Sanremo è diventata la capitale dei fiori, innanzitutto per la sua esposizione geografica: è vicina al mare e ha delle montagne abbastanza alte molto vicine, per cui è riparata dai freddi…dai venti freddi dell'inverno e ha il clima più mite di tutta la riviera.

Anna: Quanto tempo ci vuole per far crescere la pianta?

Francesco: Questo germoglio è cresciuto in circa venti (20) giorni, tra una settimana sarà così e poi in un altr... in altri sette giorni diventerà come questo.

Anna: The day after tomorrow is my grandmother's birthday. She lives in London and I would like to send her some flowers. But it is rather short notice for the florist.

Florist: Buongiorno.

Anna: Buongiorno, signora. Avrei bisogno di spedire dei fiori in Inghilterra.

Florist: Per quanto?

Anna: Beh, li vorrei appena possibile, ma in ogni caso entro domani sera.

Florist: No. guardi sarà molto difficile. Mi dovrebbe dare almeno due giorni di tempo.

Anna: Proprio non è possibile? Mi servirebbero per la mattina del sedici (16). Cioè dopodomani mattina.

Florist: Non si preoccupi, per il sedici (16) arriveranno.

Anna: Ah, allora dovrebbe andar bene.

Florist: Prego.

Anna: Grazie.

Anna: Avrei bisogno di spedire dei fiori in Inghilterra.

Florist: Per quando?

Anna: Beh, li vorrei appena possibile ma in ogni caso entro domani sera.

Anna: Avrei bisogno di spedire dei fiori in Inghilterra.

Florist: Per quando?

Anna: Beh, li vorrei appena possibile ma in ogni caso entro domani sera.

Florist: Vediamo i fiori. Ha qualcosa in particolare in mente?

Anna: Veramente vorrei qualcosa di speciale, li vorrei per il compleanno di mia nonna.

Florist: Guardi, questo bouquet di garofani, rose e gipsofila (gypsophila). Molto bello.

Anna: Ah, molto bello. Va bene, prendo questo.

Florist: Va bene. Allora.

Anna: Quanto tempo ci vuole per farli arrivare?

Florist: Mi dica prima l'orario di consegna quando le farebbe comodo.

Anna: Mah, andrebbe meglio la mattina presto.

Florist: Va bene. Ci penso io. Arriveranno senz'altro la mattina del sedici (16). E, se ci sono problemi, me lo può far saper subito?

Anna: D'accordo. Grazie.

Florist: Allora, scriva il messaggio e firmi qui.

Anna (writing the message): Carissima nonna, vorrei essere con te oggi, purtroppo non è possibile. Ti mando tanti affettuosi saluti da Sanremo. Anna. Sanremo has always had a dried flower industry. The latest technique for preserving cut flowers is embalm to them using a special process pioneered by this small firm. Alessandro, mi potresti spergare che cosa fate qui?

Alessandro: Allora, la nostra azienda produce piante e fiori, preservati tramite un processo particolare. Grazie a questo trattamento le piante eh… rimarranno nel tempo senza avere più bisogno di acqua. Noi acquistiamo il materiale fresco. Dopo l'acquisto, mettiamo le piante in un ambiente particolare, dove assorbiranno un liquido a base di glicerina. Una volta assorbito il liquido, che sostiutirà la linfa, le piante saranno pronte e si manterranno con l'aspetto originale per lungo tempo.

Anna: Come si svilupperà il vostro commercio? Cambierà qualcosa?

Alessandro: Secondo noi, questo tipo di materiale conquisterà una buona parte del mercato dei fiori secchi ed artificiali, perchè a differenza di questi, quando ad esempio un cliente ha per le mani una nostra rosa, ha la sensazione di avere una rosa fresca.

Anna: Floral displays are very popular in Italy. Signora Verga, an expert arranger, is creating a modern composition with Ligurian flowers. The blue agapanthus and the tropical straelitia.

Signora Verga: Mi dà…una straelitia ancora?

Anna: Sì, signora. Un'altra straelitia.

Signora verga: Una straelitia. E' lunga, adesso la tagliamo.

Anna: A che punto siamo?

Signora Verga: Siamo a metà.

Anna: E quali altri fiori…

Signora Verga: Metterò delle…delle agapanthus, che sono qui.

Anna: Quelle lì!

Signora Verga: Sì. Vede, le straelitie hanno…questo…loro fiore blu, per cui riprendo col fiore blu dell'agapanthus la parte orizzontale di questa composizione. Mi porge, per cortesia, le straelitie?

Anna: Eccole.

Signora Verga: Finiamo con quella parte lì. Ecco!

Anna: Cosa ne pensa? Sta venendo bene?

Signora Verga: Io la vedo da dietro. Spero di sì. Vado, vado un po' a…

Anna: A intuito?

Signora Verga: Grazie. Posso girare. Va bene? Che cosa ne pensa?

Anna: Mi pare meravigliosa! Molto, molto originale, complimenti!

Signora Verga: Grazie.

Song: "Grazie dei fiori". Singer: Nilla Pizzi. Grazie dei fior e addio, per sempre addio senza rancor.

Episode 13 - In vacanza

Watch the episode

Anna: Close to the industrial city of Genoa, lies one of Italy's most enchanting villages: Portofino. Up to the fifties, Portofino was a small fishing village. Now, like many others in Liguria, its wealth is provided by tourism. Italians and foreigners come to this exclusive resort to enjoy the climate, the natural setting and the elegant facilities Portofino has to offer. Signor Archioli, Lei è il sindaco di Portofino. E' nato qui?

Signor Archioli: No, io non sono nato qui. Sono nato vicino a Verona. Sono un portofinese a metà. Mia madre è di qui e mio padre è di Verona. Sono andato, però, a scuola qui e ho fatto le scuole elementari qui a Portofino, e le scuole secondarie in un paese qui vicino. A ventisette anni mi sono trasferito a Milano, dove lavoro in un'azienda commerciale tedesca.

Anna: E quand'è che Lei si è messo a fare politica?
Sig. Archioli: Mi è sempre piaciuto interessarmi dei problemi del mio paese e mi sono messo a fare politica nel millenovecentottantacinque (1985). Ho fatto il Consigliere Comunale fino alla fine del millenovecentottantasette (1987). Mi sono interessato del Bilancio e dal millenovecentottantasette (1987) sono Sindaco.

Anna: Come mai Le è sempre piaciuto prendere parte alla vita sociale?

Sig. Archioli: Perché mi sembra giusto interessarsi dei problemi della comunità, affrontarli e cercare di risolverli.

Anna: Secondo Lei, a Portofino, c'è molto da fare?

Sig. Archioli: Beh, sì, abbastanza.

Anna: Mi potrebbe dire quali sono i problemi principali?

Sig. Archioli: In primo luogo c'è il problema del ricambio generazionale. Molti giovani sono costretti ad andarsene perché mancano le abitazioni, o perlomeno sono troppo care. Il secondo problema..eh.. riguarda il tentativo di difendere il paese dallo scempio e dalla speculazione edilizia. Quello che ci preoccupa maggiormente, comunque, è il problema del traffico. Cioè la mancanza del parcheggio. Abbiamo un parcheggio insufficiente.

Anna: Cosa pensate di fare per risolvere quest'ultimo problema?

Sig. Archioli: Costruiremo un.. un autosilos, cioè un nuovo parcheggio, al fine di aumentare la capacità ricettiva…eh..di Portofino. Certamente il problema rimarrà. Sarà una soluzione parziale, ma è meglio di niente.

Anna: Despite the problems mentioned by the Mayor, Portofino's appeal is immediate, and I decided to stay there. But hotel accomodation can prove hard to find at high season.

Sig. Archioli: Ma nel complesso, però, a Portofino si sta bene. Se lo desidera, domani, posso portarLa ad assaggiare le specialità gastronomiche del posto.

Anna: Volentieri!

Sig. Archioli: Quanto pensa di rimanere?

Anna: Ma, non lo so. Rimango un paio di giorni, penso. Dovrò trovare un albergo prima di decidere. Ma non sarà facile. Lei cosa ne pensa?

Sig. Archioli: Se non ha prenotato, penso che avrà delle difficoltà, soprattutto in questa stagione. Io Le consiglierei di provare l'Hotel Splendido.

Anna: Ah, d'accordo, proverò lì. Speriamo di riuscire a trovare qualcosa. Comunque, mi farebbe molto piacere venire a pranzo domani.

Sig. Archioli: Bene. Allora mi chiami domani. Così mi dirà se ha avuto successo. Arrivederci.

Anna: Arrivederci.

Receptionist: Buongiorno.

Anna: Buongiorno. Avrei bisogno di una camera per due (2) o tre (3) notti.

Receptionist: Una singola?

Anna: Sì, mi serve una singola con bagno.

Receptionist: Mi dispiace, ma non ce ne sono più, credo. Aspetti un attimo che controllo…No, siamo al completo, mi dispiace.

Anna: Ah, ho capito. Ma non avete per caso una singola, senza bagno?

Receptionist: No, non abbiamo camere senza bagno.

Anna: Senta, io sarei anche disposta a prendere una camera doppia ad uso singolo.

Receptionist: Mi dispiace signorina, non ce ne sono più. In questo periodo c'è molta gente a Portofino. Lei dovrebbe prenotare in anticipo.

Anna: Che peccato! Ma, Le dispiacerebbe dirmi se ci sono altri alberghi qui vicino?

Receptionist: Ce ne sono. Ma saranno probabilmente al completo. Secondo me, dovrebbe andare un po' fuori zona per trovare una camera.

Anna: Ma, veramente preferirei rimanere a Portofino. Senta, non sarebbe per caso possibile chiamare altri alberghi da qui, per sentire se hanno una camera?

Receptionist: Sì, come no?

Anna: E… mi potrebbe indicare Lei altri alberghi?

Receptionist: Certamente. Le posso dare un opuscolo con i numeri telefonici e gli indirizzi. Prego, signorina.

Anna: Grazie.

Receptionist: Grazie.

Anna: Avrei bisogno di una camera per due (2) o tre (3) notti. Ma non avete per caso una singola senza bagno? Le dispiacerebbe dirmi se ci sono altri alberghi qui vicino?

Receptionist: Mi scusi signorina. E' stata fortunata. Ha appena telefonato un cliente che ha disdetto la camera. Se vuole gliela posso dare.

Anna: Me la può dare stasera?! Davvero?

Receptionist: Certamente. Anche subito.

Anna: Benissimo. Che fortuna! La prendo senz'altro.

Receptionsit: Prego, si accomodi. Prego.

Anna: After checking in at the hotel, which is a local landmark, I tried to find out more about its history and clientele. Senta, ma l'albergo da quanto tempo esiste?

Antonio Marson: Eh..quest'anno..eh.. abbiamo celebrato i novant'anni dell'albergo come "Splendido". Ma l'edificio, è un vecchio edificio del millecinquecento (1500), un monastero.

Anna: E mi dica, i clienti dell'albergo, da dove vengono?

Sig.Marson: Da tutte le parti del mondo. Noi abbiamo americani, italiani – che son la maggior parte – e soprattutto fra gli americani abbiamo una grandissima serie di…attori cinematografici o personalità tra cui, per menzionarne uno, Madonna. Poi abbiamo avuto l'anno scorso Don Johnson e.. e Ringo Starr.

Anna: Secondo Lei, che cosa è piaciuto di Portofino a tutte le persone famose che l'hanno visitata?

Sig. Marson: Oggi…eh..la gente…eh..quello che cerca nella vacanza è l'atmosfera, e soprattutto il romanticismo. E qui ce n'è fin che uno ne vuole.

Anna: It was soon time to meet the Mayor for lunch, as arranged the previous day, to sample the local cuisine: la gastronomia Ligure.

Waitress: Buongiorno.

Sig. Archioli: Oh, buongiorno.

Anna: Buongiorno. Grazie.

Sig. Archioli: Che cosa c'è di buono oggi? Di speciale.

Waitress: Dunque, come primo potremmo fare delle trenette al pesto con fagiolini e patate oppure dei panzotti in salsa noci o degli spaghetti al pomodoro e olive.

Anna: E…Lei cosa mi consiglia?

Sig. Archioli: Io consiglierei trenette al pesto con fagiolini e patate.

Anna: Va bene. Allora prendo le trenette al pesto. Non ne ho mai mangiate, quindi…

Waitress: E di secondo potremmo fare o del pesce al forno con le patate o la nostra grigliata mista di pesce e verdura, oppure..eh..degli scampi al tegame, oppure della carne.

Anna: Eh…no. Vorrei qualche cosa di leggero, senza carne. Cosa mi consiglia?

Sig. Archioli: Mah, potrebbe prendere o la grigliata mista, oppure gli scampi al tegame.

Anna: Non lo so. Ci potrebbe lasciare altri cinque (5) minuti?

Waitress: Certo.

Anna: Grazie.

Sig. Archioli: Grazie.

Waitress: Allora, avete…cosa avete deciso?

Anna: Allora, prendiamo due grigliate miste di pesce con verdura.

Waitress: E da bere?

Sig. Archioli: Le andrebbe un vino bianco ligure?

Anna: Sì. Volentieri.

Waitress: Va bene.

Sig. Archioli: OK.

Sig. Archioli: Senta, Anna, potremmo anche darci del tu.

Anna: Lei ha perfettamente ragione. E' molto più simpatico. Diamoci del tu!

Sig. Archioli: Cin cin.

Anna: Cin cin.

Anna: Sì, mi sono piaciute tantissimo.

Sig. Archioli: Potrebbe portarci ancora un po' d'acqua, per favore?

Waitress: Sì.

Anna: E un altro po' di pane?

Waitress: Va bene.

Anna: After the "trenette", "grigliata mista di pesce". Accidenti! Bene? Bellissima! Poi ci vuole, ci vuole proprio una passeggiata dopo pranzo.

Sign. Archioli: Allora che cosa ne pensa della nostra gastronomia ligure?

Anna: Veramente ottima! Mi è piaciuto moltissimo il pesce fresco, buonissimo sulla griglia, anche le trinette fanno la loro figura comunque.

Sig. Archioli: Bene, mi fa molto piacere.

Anna: Certo, complimenti. Devo proprio dire, complimenti!

Sig. Archioli: Grazie.

Anna: Many tourists I spoke to had enjoyed their stay. Others just arriving, had plenty of plans as how to spend their time in the village. Le è piaciuto il soggiorno a Portofino?

Man1: Certo. Il soggiorno a Portofino mi è piaciuto molto. Lo faccio anche di frequente e lo trovo sempre molto interessante.

Lady 1: Sì, mi è piaciuto molto Portofino. Eh…siamo venuti in barchetta, siamo…siamo stati molto bene. Abbiamo preso un po' di sole.

Man 2: Della Liguria mi sono piaciute tante cose, ad esempio il paesaggio e…il…mare e soprattutto la costa.

Anna: E quanto vi fermerete qui?

Man 3: Qui, probabilmente ci fermeremo una decina di minuti, poi salperemo e andremo verso San Michele di Pagana.

Lady 2: Prima di tutto guarderò le gioiellerie. Ci son delle bellissime gioiellerie. Poi mi fermerò qua a mangiare e poi andremo, ritorneremo a casa.

Anna: In Italy if you want to send off some postcards, you can find anything you need in a tobacconist. "Una tabaccheria". You don't have to go to a post office to buy the stamps.

Anna: Buongiorno.

Assistant: Buongiorno.

Anna: Vorrei queste quattro (4) cartoline.

Assistant: Sì. Queste costano quattrocento (400) lire, e queste costano mille (1000) lire.

Anna: Dovrei mandarle in Inghilterra e in America. Mi potrebbe dire quanto costa il francobollo?

Assistant: Costa seicento lire per l'Inghilterra e novecento per l'America.

Anna: Allora me ne dà due per l'Inghilterra e altri due per l'America.

Assistant: Questi sono per l'Inghilterra e questi per l'America.

Anna: Senta, mi saprebbe dire dove posso imbucarle?

Assistant: Certo. Dovrebbe andare all'ufficio postale, cinquanta metri sulla sinistra.

Anna: Quant'è?

Assistant: Sono: cinquemilaottocento (5800).

Anna: Seimila (6000).

Assistant: Sì. Grazie.

Anna: Grazie. Buongiorno.

Assistant: Buongiorno.

Anna: Portofino mi è piaciuta tantissimo! Rimarrò qui almeno altri tre giorni…non aspettatemi! Ciao. Anna. If you are in this spot of Liguria at the beginning of July, you could take a short trip to the nearby town of Rapallo. This is a time when the patron of Rapallo "La Madonna di Montallegro" is celebrated in a three-day festival which reaches a climax with a spectacular fireworks display over the seafront.

Episode 14 - Stile italiano

Watch the episode

Anna: Florence, Firenze, regional capital of Tuscany and birthplace of the poet Dante, famous all around the world for the glories of its past. Yet today in Florence, as in many other historic Italian cities the past is tempered with the present in a distinctively Italian style. A leading advocate of combining the old with the new is architect Riccardo Bertoni. His high-tech flat overlooks the heart of the old city - il centro storico. He belongs to an influential group of architects, know as il gruppo Portoghesi who specialise in lo stile italiano.Riccardo Bertoni, Lei è architetto e vive a Firenze da diversi anni, ma perché ha scelto Firenze?

Riccardo Bertoni: Firenze per motivi puramente casuali. Il fatto però di esserci è estremamente interessante perchè mi mette in relazione, in qualche misura, con gli architetti che ci sono vissuti prima come Michelangelo, Brunelleschi o Buontalenti che hanno segnato la storia dell'architettura del passato.

Anna: Lei lavora da qualche anno con Paolo Portoghesi. In che cosa consiste l'identità della Scuola Portoghesi?

Riccardo Bertoni: Mah, diciamo nella riscoperta delle tradizioni del luogo e nella realizzazione di progetti che sono caratterizzati dal luogo stesso in cui vengono inseriti.

Anna: Secondo Lei questa è un'esigenza diffusa e, se lo è, durerà?

Riccardo Bertoni: Mah, sulla diffusione in questo momento non abbiamo grandi risposte. Sulla durevolezza nel tempo, sicuramente sarà la tendenza che nei prossimi anni si dovrà affermare per evitare di avere delle periferie che sono, che hanno perso ormai ogni identità e che fanno sembrare Caracas, Firenze o Tokyo o New York città totalmente uguali.

Anna: Si tratta quindi della salvaguardia del patrimonio artistico?

Riccardo Bertoni: Sicuramente. E' importantissimo riconoscere quello che ognuno ha scritto nelle pagine della storia del passato e riproporlo oggi.

Anna: Parliamo delle opere che Lei ha realizzato con Paolo Portoghesi. Quale Le piace di più?

Riccardo Bertoni: Mah, sicuramente l'ultima, che è il salone delle Terme Tettuccio a Montecatini. Si tratta di uno spazio coperto, atto ad ospitare le persone in caso di pioggia… nei momenti di brutto tempo, appunto, che è realizzato con delle strutture abbastanza avanzate da un punto di vista tecnologico, e che però risponde a delle caratteristiche culturali tipiche del luogo, appunto come dicevo prima. Hanno…sono degli…degli elementi naturali, naturalistici meglio, che si rifanno a una tradizione neo-liberty che a Montecatini è estremamente diffusa.

Anna: What do some of the spa users think of it? Che cosa pensa di questa sala?

Lady 1: Guardi, al primo impatto sembra una cosa un po'…ma poi, guardandolo bene, insomma piace anche perché è una cosa strana, una cosa un po' originale.

Lady 2: E' una sala molto bella, un'architettura molto particolare sia il pavimento che la struttura portante è veramente molto interessante.

Anna: The Sala Portoghesi is part of the Terme del Tettuccio, one of the most striking spa buildings in Montecatini, built in 1775, renovated in the 1920s then further restored in the 80s. It's an example of how modern architecture can be combined with the old. People come from all over Italy to drink the waters renowned for their healing properties. Often, the trips is combined with a holiday.

Anna: Signora, per quali ragioni viene a Montecatini?

Lady 3: Vengo a Montecatini da cinque (5) anni, regolarmente, ogni anno, per la cura dell'acqua, dei fanghi e per divertirmi un poco perché Montecatini è bella.

Lady 4: Ho cominciato come vacanza, così, per divertimento, poi, in seguito, ci ho trovato gusto, ho trovato utilità e ho imparato a fare le cure preventive.

Anna: There is a whole range of spa centres and hotels for people to choose from here in Montecatini.

Anna: Dottor Andrea dal Pino, Lei è il presidente dell'ufficio turistico di Montecatini. Mi potrebbe spiegare a chi appartengono le Terme e chi le gestisce?

Dottor dal Pino: Le Terme appartengono allo Stato e le gestisce un..una società con a capo un presidente.

Anna: Le Terme di Montecatini sono fra le più conosciute d'Italia e forse anche d'Europa. Costa molto fare una cura qui?

Dottor dal Pino: Ecco, per quei pazienti che appartengono al servizio sanitario nazionale non costa niente. Costa soltanto l'albergo che scelgono, però qui c'è molta scelta per gli alberghi perché abbiamo alberghi di diverse categorie. Per quelli, invece, che vengono privatamente, ovviamente pagano e anche quello, però, in rapporto alla cura che desiderano prendere cioè che può essere di prima categoria o di seconda categoria.

Anna: A Montecatini convivono esempi di architettura tradizionale, come le Terme del Tettuccio e di architettura moderna, come la sala Portoghesi. E' difficile questa convivenza?

Dottor dal Pino: Mah, Le dirò… sono due opere d'arte completamente diverse, fatte in epoche diverse. Però essendo due opere d'arte, convivono armoniosamente insieme. Ecco. Almeno a mio parere.

Anna: There is a strong tradition of blending the new with the ancient in Italy where so many buildings are centuries old. 13th and 14th century Chiesa Di Santa Croce here in Florence has a façade dating from the nineteen hundreds. Today however some of the skills that produced the masterpieces of Florence are in danger of dying out. Craftsmen at the Pietre Nell'arte produce mosaics using methods that have barely changed since the Renaissance, but owner Renzo Scarpelli is having problems finding young people prepared to learn the craft. Signor Scarpelli, a quando risale la tradizione dei mosaici?

Renzo Scarpelli: La lavorazione dei mosaici è iniziata nel periodo rinascimentale con la famiglia dei Medici. Poi si è tramandata nel tempo fino a oggi, tramite le botteghe artigiane.

Anna: Ma Lei da chi ha imparato?

Renzo Scarpelli: Io ho imparato in una di queste botteghe artigiane, qui a Firenze e ho iniziato all'età di tredici (13) anni.

Anna: Ci vuole molto tempo per imparare?

Renzo Scarpelli: Sì, è molto difficile perché dobbiamo imparare a conoscere un'infinità di materiali e la tecnica di lavorazione che è molto complessa.

Anna: Mi potrebbe far vedere come si fa?

Renzo Scarpelli: Certo, possiamo passare al laboratorio.

Anna: Ci vuole molto tempo per imparare? Mi potrebbe far vedere come si fa?

Renzo: Prego, si accomodi.

Anna: Grazie.

Renzo: Questa è la prima fase di lavorazione in cui tagliamo le pietre a fette per la lavorazione del mosaico. Ecco fatto, adesso andiamo di là.

Anna: Bene.

Renzo Scarpelli: Si accomodi.

Anna: E questo a che cosa serve?

Renzo Scarpelli: Questa è la morsa che serve per tagliare le lastre di pietra, qui abbiamo già preparato il disegno dell'oggetto che vogliamo realizzare, con questo arco di castagno, filo di ferro, passiamo dentro a questo foro, fermiamo qui.

Anna: Ah, ho capito.

Renzo Scarpelli: E con questa polvere abrasiva con acqua iniziamo il taglio.

Anna: Ma, ci vuole molta pazienza?

Renzo Scarpelli: Sì, certo. E' un lavoro che richiede molta pazienza. Essendo un lavoro molto difficile da imparare, con delle fasi di lavorazione molto lunghe, sinceramente serve un'infinità di pazienza per poterlo fare.

Anna: Ma Le piacerebbe cambiare mestiere?

Renzo Scarpelli: No, assolutamente. Mi è sempre piaciuto questo lavoro. Non lo cambierei assolutamente. Anzi, stiamo cercando di tramandarlo, insegnandolo ai giovani. Purtroppo sono sempre in meno quelli che sono disposti a fare questo mestiere perché comporta molte difficoltà, per impararlo, essendo molto difficile.

Anna: Ma, se non ci sarà nessuno, che cosa succederà?

Renzo Scarpelli: Beh, se non si troveranno altri che vorranno continuare, questo lavoro scomparirà. Fortunatamente io ho un apprendista che sta imparando questo lavoro con me da anni. Spero che lui potrà tramandare nel tempo questa lavorazione.

Anna: Stefano, che cosa stai facendo?

Stefano: Questa è una delle fasi terminali della lavorazione del mosaico in cui stiamo assemblando i pezzi di pietra precedentemente segati e anche una delle lavorazioni più importanti.

Anna: Scarpelli's work is on display along with mosaics from the seventeen hundreds in the oldest mosaic shop in Florence which was established in 1668. Scusi signora, posso guardare?

Lady 5: Sì, prego.

Anna: Signora, a chi piacciono i mosaici? A chi li vende?

Lady 5: Piacciono un po' a tutti ma specialmente ai turisti perché apprezzano questa mano d'opera così tipicamente fiorentina.

Anna: Ma, eh, vorrei sapere, questo mosaico è antico?

Lady 5: Questo mosaico è antichissimo ed eseguito in porfido egiziano durissimo e rarissimo.

Anna: E a quando risale?

Lady 5: Risale alla fine del settecento, stile neoclassico.

Anna: Vorrei fare un regalo ad un'amica. Mi potrebbe far vedere un paesaggio toscano?

Lady 5: I paesaggi toscani bisogna andare qua, prego.

Anna: Ah, grazie.

Lady 5: Ecco, c'è questo paesaggio toscano.

Anna: Bello.

Lady 5: E questo paesaggio fiorentino.

Anna: Ah, molto bello.

Lady 5: Poi ci sono i paesaggi di Renzo Scarpelli nell'altra stanza. Ecco questi sono i lavori di Renzo Scarpelli.

Anna: Ah, conosco già i lavori di Scarpelli, mi piacciono tanto. Ma, Lei quale mi consiglia?

Lady 5: Mah, è un po' il gusto personale ma sono tutti belli. Questi sono colori più tenui, più delicati.

Anna: Mmm, Senta, prenderei questo, ma vorrei farlo spedire in Inghilterra. Lo può spedire in Inghilterra?

Lady 5: Non ci sono problemi.

Anna: Posso pagare con un assegno?

Lady 5: Certamente.

Anna: A chi lo intesto?

Lady 5: Alla ditta Ugolini.

Anna: Vorrei farlo spedire in Inghilterra – lo può spedire in Inghilterra?

Anna: The blend of old and new clearly appeals to the many tourists who visit Florence every day.

Anna: Le piacerebbe tornare a Firenze perché?

Man 1: Mi piacerebbe moltissimo perché è una città splendida, tanti monumenti, si sta bene.

Anna: Le piacerebbe tornare a Firenze?

Man 2: Non mi piacerebbe mai andar via.

Anna: Se ritornerà, che cosa Le piacerebbe fare?

Lady 6: Mi piacerebbe vedere le cose che non ho ancora visto perché, malgrado tutto, ci sono sempre cose in Firenze che non si riesce a vedere.

Anna: Che cosa mi dice dello stile di Firenze?

Lady 7: Beh, Firenze non ha bisogno di rappresentazioni perché è una città unica al mondo per…che raccoglie tutti gli stili più belli e più significativi della nostra storia e… è unica e… è... è splendida.
Episode 15 - La capitale

Anna: This is Porta Pia in Rome, one of the gateways to the city and a landmark in its history. It was here that on the 20th of September 1870 Italian Bersaglieri troops stormed the city and at last made Rome, which until then had belonged to the Vatican, part of the kingdom of Italy. The new Italian state chose Rome as its capital a year later. Rome is still Italy's largest city, but as a capital it may seem a little provincial. There are shops and markets rather than supermarkets and on a Sunday morning many Romans like me go to Porta Portese one of the eternal city's oldest and most popular markets. For the stall holders the day begins early, often around 5 in the morning and ends in the early afternoon, for customers the rule of the game is hard haggling over prices. It's usually worth a try! Sì questa è bella. Quanto viene?

Stallholder: Questa qua ti posso fare settantacinque (75).

Anna: Settantacinque (75)? No è impossibile, di che è fatta?

Stallholder: Guarda che questo è lavorato a mano, non è fuso. Questo qua è fuso, questo qua è lavorato a mano. Questa qua è una tazzina francese, che solo questa qua costa quindicimila (15000) lire.

Anna: Ma questa è nuova?

Stallholder: Nuova sì, se era vecchia sai quanto costava questa?

Anna: Ce ne avete un'altra simile? Me la faccia vedere per favore. Grazie. Quanto costano?

Stallholder: Quelli trentacinquemila (35000) l'uno.

Anna: Se le prendo tutte e due mi può fare uno sconto?

Stallholder: Tutte e due Le facciamo sessantamila (60000) signora.

Anna: Va bene le prendo grazie.

Stallholder: Settanta (70).

Anna: No, facciamo quaranta (40).

Stallholder: Nooo, eh la Madonna, è impossibile.

Anna: No è impossibile, beh allora te la tieni.

Stallholder: Ti posso togliere altre cinquemila (5000) lire.

Anna: Sessantaciquemila (65000) lire è troppo.

Stallholder: Allora facciamo una cosa: sessanta (60) e non se ne parla più!

Anna: Questa è bella – quanto viene?

Stallholder: Questa qua ti posso fare settantacinque (75).

Mrs Mazzotti: Se le prendo tutte e due mi può fare uno sconto?

Anna: Facciamo quaranta (40)!

Anna: When Rome became the capital of Italy it developed as a city of bureacrats and administrators. As a result many new districts "Quartieri", were built to house the growing middle class population who worked in the rapidly expanding state organisations and ministries. Quartieri like this one, il Flaminio.

Manuela: Io mi chiamo Manuela e sono proprio romana. Sono nata e cresciuta in questo palazzo nel quartiere Flaminio di Roma. Mi è sempre piaciuto vivere qui. Il quartiere è stato costruito agli inzi di questo secolo ed è stato costruito per gli statali che lavoravano negli uffici e nei ministeri di Roma. Io ho sempre lavorato e faccio una vita abbastanza tradizionale. Domenica scorsa sono andata a Porta Portese alzandomi presto come faccio spesso.

Manuela: Senta, mi fa vedere questa camicetta? Quanto costa?

Stallholder: Ventimila (20000).

Manuela: Quanto ne vuoi?

Stallhoder: Venti (20).

Manuela: Ma non può farmi uno sconto?

Stallholder: No, non si può, prezzi fissi, prezzi fissi signora.

Manuela: No grazie.

Manuela: Stamattina invece sono andata al mercato del mio quartiere dopo aver fatto la prima colazione.

Anna: Manuela has a teenage daughter, her cousin is also staying with them.

Manuela: Mi passi il latte per favore? Grazie. No Elisabetta lascialo altrimenti farai tardi. Ricordati che a mezzogiorno viene Anna. Ciao.

Alessa: Senti oggi non ci sarò a mezzogiorno, quindi Anna me la saluti tu.

Manuela: Va bene, come mai?

Alessa: Perchè vado in piscina e tornerò verso le cinque (5).

Manuela: D'accordo. Mi passi il giornale per favore, ne ho bisogno.

Alessa: Perchè?

Manuela: Potremmo andare al cinema questa sera, volevo vedere quello che danno.

Alessa: Ottima idea, però il film lo scegli tu perchè devo scappare.

Manuela: Va bene, ciao.

Anna: Senti, ti faccio una domanda. Tu hai sempre vissuto qui e ti sei anche sposata a Roma. Io vorrei sapere: come mai non hai cambiato casa dopo il tuo matrimonio?

Manuela: Beh prima di tutto perchè a Roma non è assolutamente facile trovare un'altra casa e poi sono fortunata, non ho proprio cercato un'altra casa.

Anna: Ma per quale ragione?

Manuela: Perchè io ho tutta la mia famiglia che vive qui, i miei genitori e mio fratello con la moglie.

Anna: E tua figlia allora farà come te? Vivrà qui quando sarà più grande e magari anche quando si sposerà?

Manuela: Sì, può darsi.

Anna: E tu Manuela in futuro cosa pensi di fare? Rimarrai sempre qui?

Manuela: Mi piacerebbe perchè mi sono sempre trovata bene.

Anna: Ma tanti ormai dicono che Roma è cambiata, è più caotica adesso, c'è il problema del traffico, della casa…Non sarebbe meglio vivere fuori Roma?

Manuela: Ne ho parlato qualche volta con mio marito Giancarlo, però a me non piacerebbe, la nostra vita è qui. Non credo che piacerebbe neanche a lui.

Anna: Ho capito. E tu credi che anche per i più giovani Roma offre un futuro?

Manuela: Mah, mi è difficile rispondere, comunque direi di sì, Roma offre senz'altro moltissime attrattive oggi e i giovani sono molto più liberi di prima. Spero che mia figlia Alessia troverà un buon lavoro qui a Roma.

Anna: The very rich however lived and still live near the park known as Villa Glori, in the quartiere Parioli.

Anna: Mi trovo a Villa Glori, lontano da Porta Portese, nel quartiere signorile dei Parioli dall'altra parte della città. E' la zona più frequentata della cosiddetta gioventù dorata di Roma "I pariolini".

Anna: Twenty-year old Francesca lives with her mother in a top-floor apartment in the Parioli area of Rome. A maid comes daily to clean the place and prepare the meals.

Fedora: Buongiorno Francesca.

Francesca: Ciao Fedora.

Fedora: Hai dormito bene?

Francesca: Sì grazie.

Fedora: Vuoi fare colazione?

Francesca: Sì, mi prepari un cappuccino?

Fedora: Va bene.

Francesca: Grazie.

Anna: Francesca is a student of Economics at Rome University. Like most Italian students she prefers to go to University in her home town and enjoy the comforts of the parental home.

Francesca: Ciao mamma.

Mrs Barbuscia: Ciao Francesca. Ehilà sei in ritardo eh!

Francesca: Eh lo so, infatti bevo il caffè di corsa poi vado all'università che c'ho una lezione.

Mrs Barbuscia: I pariolini sono tutti i ragazzi che vivono attorno a noi, qui nel quartiere Parioli. Sono ragazzi dell'alta borghesia romana con un loro linguaggio e un loro look.

Francesca: Ho vent'anni e studio all'Università di Roma, faccio Economia e Commercio. Quando finirò gli studi vorrei diventare una grande manager di una società internazionale.

Anna: To find out more about the lifestyle of the pariolini I met Francescea and her friend Federica at the Villa Glori riding school.

Anna: Ciao.

Francesca: Ciao.

Anna: Ciao, sono Anna.

Federica: Ciao, io sono Federica.

Francesca: Io sono Francesca.

Anna: Venite spesso qui per montare a cavallo?

Francesca: Sì, di solito il pomeriggio.

Anna: E la sera che cosa fate?

Francesca: Beh, stasera per esempio andremo ai Castelli. Potremmo andare a Frascati.

Federica: Sì e potremmo prendere la macchina di Danilo.

Francesca: Sì, vuoi venire anche te Anna?

Anna: Sì certo ditemi dove e quando.

Federica: Sei in albergo vero? Allora lasceremo un messaggio in albergo.

Anna: Grazie, ciao.

Federica: Ciao.

Francesca: Potremmo andare a Frascati.

Federica: Sì e potremmo prendere la macchina di Danilo.

Anna: We arranged to meet in Frascati, a short train journey from central Rome and a favourite meeting place for young people from the capital.

Federica: Ciao.

Anna: Ciao bella, come stai?

Federica: Bene e tu?

Anna: Bene grazie.

Federica: Hai ricevuto il nostro messaggio?

Anna: Sì sì eccolo qua. Che bello qui a Frascati! Ci venite spesso?

Federica: Sì, quando il tempo è bello veniamo molto spesso.

Anna: Piacerebbe anche a me venire qualche volta. E se non venite qui che cosa fate?

Federica: Dipende. O andiamo in pizzeria a mangiare oppure in discoteca.

Anna: Ma dove sono gli altri?

Federica: Sono in macchina che ci aspettano. Vieni?

Anna: Sì, andiamo.

Federica: Danilo, lei è Anna.

Anna: Ciao.

Danilo: Ciao, piacere.

Anna: Piacere. Che macchina carina. E' nuova?

Danilo: Seminuova, me l'hanno regalata un anno fa.

Anna: E chi te l'ha regalata?

Danilo: Mio padre.

Anna: Hai capito! Ma c'è anche il telefono!

Danilo: C'è anche quello!

Anna: Senti, mi faresti un favore?

Danilo: Certo.

Anna: Potrei fare una telefonata più tardi?

Danilo: Anche subito, se vuoi.

Anna: No grazie, dopo!

Federica: Ma gli altri dove sono?

Danilo: Sono seduti nella piazza.

Federica: Andiamo lì anche noi?

Danilo: Certo, non c'è problema.

Everybody: Ciao!

Anna: Allora ragazzi che si fa?

Francesca: Potremmo andare al cinema.

Anna: Fanno un bel film?

Francesca: Sì, so che danno un bel film all'Ariston.

Anna: Sì.

Francesca: Te che ne dici?

Girl: Io preferirei andare a mangiare una pizza.

Danilo: Io direi di andare a prendere un gelato qui intorno. Conosco un bel posto io.

Anna: E tu Federica?

Federica: Per me è lo stesso.

Anna: Oh, non vorrei essere noiosa, ma dovrei essere a Roma per le dieci (10) stasera.

Danilo: Bene, allora facciamo quello che ho detto io, così non fa tardi nessuno e torniamo tutti a casa presto.

Anna: D'accordo.

Francesca: Te che ne dici?

Girl: Io preferirei andare a mangiare una pizza.

Danilo: Io direi di andare a prendere un gelato qui intorno.

Federica: Per me è lo stesso.

Mrs Barbuscia: Pariolini si nasce, poi si migliora. Oggi i pariolini degli Anni Cinquanta (50) sono diventati uomini di successo e i loro figli sembrano destinati a mantenere i privilegi raggiunti. Si finisce di essere pariolini quando si comincia a lavorare anche se quando si rincontrano si riconoscono come i privilegiati membri di un club.
Episode 16 - Posso presentarmi?

Anna: This is Lake Monticchio in the region of Basilicata. I have returned to the south of Italy to meet two people who in many ways reflect the Italian way of business life. One is a rags to riches story of a young shoemaker who came to own a vast shoe and clothing empire. The other is a story of a family man who has risen to the top in the motor trade but still manages to fit in many other interests. Both are linked by their passion for that very Italian business – il calcio. Antonio Filograna started off as a cobbler in Casarano. Since the war and with his wife's help he's managed to build one of the largest shoe-making empires in Italy.

Antonio Filograna: Io sono Filograna, come nome Antonio. Sono di Casarano, provincia di Lecce. Salentino, anzi debbo aggiungere del basso Salento. La mia famiglia è composta di due persone, io e mia moglie. Mia moglie debbo dire ha dato tanto al successo del gruppo attualmente, parlo nei primi anni del matrimonio. Chè si lavorava, si collaborava, lavorando costantemente tra me e mia moglie, insomma… abbiamo… ci siamo dedicati con grande passione per il successo attuale.

Anna: Ecco, Lei ha iniziato come calzolaio.

Antonio Filograna: Sono e ho iniziato come calzolaio e mi sento anche onoratissimo di questa scelta fatta da ragazzo. Questo mestiere ho cercato anche di perfezionarlo tecnicamente andando su a Milano a sedici (16) anni. Ritornato dopo la guerra quaranta-quarantacinque (40-45), congedandomi, era una mia prerogativa di essere qualcuno in campo della categoria calzaturiera italiana. La Lombardia aveva già quella professionalità calzaturiera in Italia, così l'Emilia, così…il Veneto dopo. Io volevo veramente crescere, però ero sprovvisto di tecnologia, ero sprovvisto di ricerca. Potevo attingere nel nord ciò che io volevo realizzare nel sud.

Anna: Quindi Lei ha riportato un'esperienza…

Antonio Filograna: Quindi.

Anna: …acquisita al nord qui.

Antonio Filograna: Esattamente. Frequentando delle fiere, avendo contatti con degli imprenditori nordici, possibilmente entrando anche nelle aziende come curioso, Filograna, di quello che era…poteva essere l'azienda nordica con quello che io volevo realizzare nel sud. Innanzitutto i miei traguardi erano quelli di realizzare un nome di quello che era il mio prodotto. Un nome che fu realizzato come marchio FILANTO. Si parla del mio nome. Cioè FILANTO si intende Filograna… poi lei si fa Filograna, Filograna Antonio. Questo è il marchio FILANTO, il mio nome.

Anna: As well as the technological expertise gained in his visits to the northern firms, it was imagination (a much valued characteristic in Italy) that helped Antonio Filograna achieve success.

Antonio Filograna: Certo debbo dire che la fantasia dell'italiano ce l'ha nel sangue, non solamente la mia, che credo di averla dimostrata in tante circostanze, ma è l'italiano stesso pieno di fantasia. Proprio in funzione della fantasia, credo che abbiamo dimostrato di realizzare qualcosa a livello…a livello nazionale e soprattutto a livello internazionale.

Anna: One of his concerns is care of the elderly. He's funded the building of a new centre, named after his father, replacing the smaller one he runs now. Per esempio io so che Lei si interessa, per esempio, degli anziani…

Antonio Filograna: Ecco, questo è un altro argomento che mi…mi sta a cuore, visto che Lei mi fa una domanda che la ritengo molto importante, il fatto dell'investimento negli anziani. Io fin dal millenovecentosettantacinque (1975) mi dedico agli anziani. Ho già un istituto piccolo, un istituto degli anziani.

Anna: Lei è un uomo di successo. Il successo Le ha portato tante belle cose ma anche delle cose spiacevoli.

Filograna Antonio: Questa è un'altra esperienza, esperienza che non voglio augurarla a nessun…a nessun essere umano. Il sequestro è una cosa brutta. Il sequestro è qualcosa che resta…resta nel cuore e batte più forte il cuore quando si tocca il sequestro o un sequestratore. Cosa vuole che Le dica? Sono contento di essere…di aver visto il mondo. E' come quando un uomo muore e si vede rinato. Questo è il sequestro dell'uomo sequestrato. E si diventa – consentitemelo – si diventa più umile. E' come se uno è morto ed è resuscitato.

Anna: Filograna's passion for business is equalled only by his enthusiasm for football: FILANTO sponsors the local team, Casarano Calcio, which plays in the third division, and attracts devoted and passionate support. Filograna's interest in football is shared by his nephew Antonio: he admires his uncle's dedication and committment.

Antonio: FILANTO a Casarano è sinonimo anche di sport perchè è da tredici (13) anni che mio zio è alla guida di questa società e alla base anche da parte sua c'è la passione. Anche lui è di Casarano, come Lei ben saprà, per cui, quando si porta avanti una bandiera, un simbolo, costa sacrificio, costa denaro, però c'è sempre la passione, la gioia di portare avanti una bandiera in campo nazionale.

Anna: Members of the team are encouraged to pursue other interests whilst playing for Casarano.

Vox pop 1: La domenica quasi sempre ho il permesso dal mister per andare a Bari dove sono iscritto alla facoltà di giurisprudenza però faccio scienze politiche e il secondo anno ho dato cinque esami, sono in buona media e...e in più, ecco, ascolto musica però il calcio è la…è il mio… il mio hobby massimo, ecco.

Vox pop 2: Sono cresciuto nella giovanile dell'Inter. Ho esordito in serie A sette anni fa, poi ho girato un pochettino per varie squadre di seconda, di seconda serie, di serie B e adesso da tre stagioni sono qui a Casarano dove mi trovo benissimo e..e spero di contribuire e di restare qui ancora…ancora a lungo.

Anna: Amongst the hills of Basilicata lies the region's main town: Potenza. There, at a major car showroom, I met Canio Leone. He's in charge of sales here, but divides his spare time between acting as a referee, running a theatre agency and being with his family. Buongiorno.

Canio: Buongiorno.

Anna: Anna Mazzotti.

Canio: Canio Leone, sono il responsabile vendite della concessionaria VW Audi di Potenza.

Anna: E mi dica in che cosa consiste il suo lavoro?

Canio: Il mio lavoro consiste nell'organizzazione e nella responsabilità delle vendite di questa concessionaria.

Anna: E come ha iniziato questo lavoro?

Canio: Ma diciamo per caso, perchè il lavoro della vendita delle auto è venuto in conseguenza di un'altra attività che io già avevo ed era un'attività sportiva. Io faccio l'arbitro di calcio. Lo faccio da quando ero proprio giovanissimo, e questa attività sportiva mi ha introdotto nel mondo dell'auto perchè uno dei dirigenti arbitrali era un dirigente della VW Audi di Potenza, il quale mi ha inserito in questo lavoro, mi ha fatto fare un provino, poi sono stato assunto e da dodici (12) anni faccio questo lavoro.

Anna: A proposito di questa attività, so che Lei ha un'attività commerciale anche di famiglia e…

Canio: Diamoci del tu, Anna, perchè diventa più facile comunicare.

Anna: Molto volentieri.

Canio: Grazie.

Anna: Ma io so che tu fai molte altre cose…

Canio: Faccio un'altra attività che è nata come un'attività hobbistica, un'attività di hobby, e poi si è trasformata come una seconda attività per me. Io mi interesso di organizzazione di concerti musicali, di spettacoli musicali. Io ho creato un'organizzazione che si chiama Agenzia Teatrale Rullo che s'interessa di questo tipo di manifestazioni. Anna, questa è la mia famiglia…Teresa.

Anna: Piacere.

Teresa: Ciao.

Canio: La piccola Carmen.

Anna: Ciao bella.

Canio: E lui è Vincenzo.

Anna: Ciao, piacere di conoscervi.

Teresa: Come va?

Anna: Molto bene, grazie. Canio and Teresa met in the early 70s and both have fond memories of the first years of their courtship.

Canio: Ma io mi sono conosciuto con Teresa nel millenovecentosettantadue – settantatre (1972-73), perchè mi sono trasferito a Potenza nel millenovecentosettanta (1970) da Rionero.

Teresa: M'invitava, vieni a ballare la domenica, il sabato. Qualche volta andavo, qualche volta no, chiaramente per tenerlo sulla corda. Beh, chiaramente all'inizio ho detto "ma questo vuole scocciare" poi non è stato il colpo di fulmine ecco, quello sì, anche perchè io non credo nel colpo di fulmine. Il colpo di fulmine va bene ma per un'avventuretta che può durare sei, sette mesi, ecco, ma poi non è quello l'amore: l'amore deve crescere man mano e com'è stato nel nostro caso.

Canio: Beh, poi sono cominciate le prime telefonate, le prime uscite insieme e quindi poi la cosa è continuata, si è intensificata e poi…è arrivato il millenovecentottanta (1980) e l'ottantuno (81) ci siamo sposati.

Anna: Parlami un po' della tua attività di arbitro.

Canio: Beh, la mia attività di arbitro comincia nel millenovecentosettantatre (1973) con i primi campionati regionali. Comincio a mettere le mutande nere come a noi…le giacchette nere… come a noi in Italia ci chiamano e comincio ad andare in giro per la regione.

Anna: Viaggi molto? Ti piace viaggiare?

Canio: Sì viaggio molto, contro quello che poi sono i voleri della famiglia perchè come tu ben sai, la famiglia ti vuole sempre vicino. Questo lavoro, poi l'altro lavoro dell'agenzia teatrale mi portano via molto tempo. Il sabato e la domenica sono impegnato per l'attività arbitrale quindi mi resta poco tempo nel seno della famiglia.
Episode 17 - Organizziamoci

Watch the episode

Anna: Monterosso is the largest of the five villages that make up Le Cinque Terre – they used to be approachable only by boat and even now that's still the best way to get around this southern part of Liguria. I was going to Portovenere, just down the coast from Cinque Terre, and thought the quickest way to get there was probably by boat. I went to the local tourist office to make enquiries.

Anna: Buongiorno.

Matteo: Buongiorno.

Anna: Io dovrei andare a Portovenere domani e vorrei prendere un traghetto. Mi potrebbe dare un'idea dell'orario?

Matteo: Certo, attenda un attimo. Ecco, vediamo un po'. A che ora vorrebbe partire?

Anna: Mah, non saprei, dovrei esserci verso il primo pomeriggio perché ho un appuntamento alle due.

Matteo: Ho capito. Per Portovenere c'è un traghetto che parte alle dieci (10) e ce n'è un altro che parte alle dodici e trenta (12.30).

Anna: E quanto tempo ci vuole per arrivare?

Matteo: Ci vogliono circa cinquanta (50) minuti.

Anna: Mmm, quindi significa che il traghetto che parte alle dieci arriva alle dieci e cinquanta (10,50) e quello delle dodici e trenta (12.30) arriva all'una e venti (20)… no, ma è un po' tardi… ho sempre paura di arrivare in ritardo!

Matteo: Eh sì signorina. La cosa migliore da fare è prendere il traghetto delle dieci (10).

Anna: Il problema è che non conosco Portovenere, per cui non so neanche se dovrò andare vicino o lontano dal porto. Lei non mi saprebbe per caso dire dove si trova la salita al castello?

Matteo: Non è lontano dall'imbarcadero. Aspetti che Le spiego. Lei esce dal porto, va sempre dritto in salita per circa cento (100) metri e si trova direttamente lì.

Anna: Meno male, ho capito, grazie.

Matteo: Vuole che Le faccia il biglietto?

Anna: Ah, sì, un'andata e ritorno per favore.

Matteo: Bene. Sono sedicimila (16000) lire.

Anna: Ecco.

Matteo: Grazie.

Anna: Ah, un'ultima cosa: da dove parte il traghetto qui a Monterosso?

Matteo: Al molo qui di fronte.

Anna: Bene, La ringrazio, arrivederci.

Matteo: Arrivederci.

Anna: The boat from Monterosso takes you down the coast and past the other 4 villages of Le Cinque Terre. It takes just 50 minutes to reach the old Roman port of Portovenere – Port of Venus – an attractive resort with the ancient church of San Pietro welcoming travellers to the beautiful harbour. Having got the earlier boat, I was in plenty of time for my appointment with a woman who's lived in Portovenere all her life and has seen many changes in the village over the years. Signora Giuliana Calvellini, mi parli un po' della Sua famiglia.

Signora Giuliana Calvellini: Io discendo da un'antichissima famiglia di Portovenere. Il mio bisnonno ha fondato la locanda Genio che è stata la prima locanda di Portovenere, e il mio nonno è stato un maestro molto importante che ha ins… ha segnato la vita di questo paese. Infatti egli non insegnava soltanto le materie scolastiche, ma insegnava a tutti i ragazzi di Portovenere le nozioni della pesca, del nuoto…ogni pomeriggio li conduceva nel piazzale San Pietro per insegnare l'educazione fisica. Quindi è stato un maestro che tutti ricordavano sino ad alcuni anni fa quando c'erano i nostri vecchi.

Anna: Mi dica, com'era Portovenere quando Lei era bambina?

Signora Giuliana Calvellini: Era un paese magico, la vita era molto semplice. Questo borgo di pescatori era isolato e quindi si sviluppavano molto i rapporti umani. Nel mese di settembre arr… si aspettava l'arrivo degli abitanti delle Cinque Terre, che giungevano alla nostra calata con cesti di uva, e c'era lo scambio dei prodotti con i pescatori di Portovenere. Era un paese con un'atmosfera straordinaria, pieno di silenzio e di solitudine, ma sapeva accogliere chiunque in questo silenzio e in questa solitudine.

Anna: Portovenere è una località frequentata da italiani e stranieri. Quando si è sviluppato il turismo?

Signora Giuliana Calvellini: L'industria del turismo si è sviluppata con il boom economico degli Anni Cinquanta (50), con lo sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa. La gente ha cominciato a muoversi, a giungere qui a Portovenere, alle Cinque Terre, con i battelli, con le macchine, con i pullman, ed inizia così un periodo commercialmente importante, un…il periodo turistico, che va però a danno di quella che è l'immagine poetica che io ricordo.

Anna: Quindi Lei ha rimpianti per il modo in cui Portovenere è cambiata nel tempo…

Signora Giuliana Calvellini: Temo che sia difficile non avere rimpianti per un paese che ho definito magico, perché magico era. Io ho paura che l'eccessiva immagine commerciale vada a danneggiare quello spirito intimo di Portovenere che per fortuna conserva nei suoi monumenti, in queste chiese, in questo castello, nel borgo medievale, nella piazza, negli angoli più remoti, tutto è poesia qui.

Anna: Ma gli abitanti di Portovenere vivono solo di turismo?

Signora Giuliana Calvellini: La maggior parte vive di turismo, ma ci sono alcuni, rimasti pochi, che non dimenticano le loro radici culturali. A me fa piacere che ci siano gruppi di giovani come MAREVIVO, un'associazione ecologica che cerca di salvaguardare le nostre spiagge, di mantenere questo rapporto con la natura e di conservare intatto l'ambiente naturale che è sempre straordinario.

Anna: Di che cosa si occupa l'associazione MAREVIVO?

Elisabetta: Eh, l'associazione MAREVIVO è nata nel millenovecentottantacinque (1985) e si occupa della tutela del mare e delle sue coste e, in altre parole, della sensibilizzazione dell'opinione pubblica su questo problema, cioè sul problema della salvaguardia ambientale.

Anna: E chi fa parte di questo gruppo?

Elisabetta: Siamo molto contenti che ci siano soprattutto molti giovani. Comunque abbiamo soci che appartengono a svariate età e non soltanto residenti a La Spezia ma anche in altre città italiane.

Anna: Secondo te perché vale la pena appartenere a un gruppo come MAREVIVO?

Leonardo: Eh, vale la pena perché ormai tutto sommato ognuno di noi è coinvolto nei problemi ambientali. Eh, nel complesso i…i problemi ecologici sono tanti e sono soprattutto grossi, ma è chiaro che la sensibilizzazione della gente è un primo passo estremamente importante.

Anna: Senti, mi potresti spiegare in che cosa consiste la Festa del Mare?

Leonardo: La Festa del Mare ha luogo in tutte le città d'Italia in cui è presente l'associazione MAREVIVO nella prima domenica di luglio. In occasione di questa festa, MAREVIVO invita tutti i partecipanti a compiere un gesto di collaborazione e cioè a pulire spiagge e fondali marini dai rifiuti.

Anna: At the final meeting held by the MAREVIVO organisers, one question to sort out is the likely number of partecipants – this especially affects the planning of an evening meal to be staged after the event.

Elisabetta: Quindi io proporrei di iniziare da te, Leonardo. Vediamo quello che hai organizzato.

Leonardo: Abbiamo spedito gli inviti alle autorità locali e ai rappresentanti delle associazioni ambientaliste, e anche agli iscritti alla nostra delegazione, pregandoli di darci conferma della loro partecipazione.

Carla: Abbiamo già un elenco dei partecipanti?

Leonardo: Purtroppo a eccezione delle autorità e delle associazioni, hanno tutti la cattiva abitudine di non dare la conferma.

Elisabetta: Eh, Leonardo, mi sembra che tu abbia finito la relazione…

Leonardo: Sì.

Elisabetta: Allora, Carla, cosa vorresti dire?

Carla: Eh, io devo allestire i tavoli e preparare la cena per domenica sera. Eh, eh, ditemi come posso fare se non conosco il numero dei partecipanti.

Elisabetta: Sono d'accordo, purtroppo questo è il problema che si verifica ogni anno. Io direi di calcolare centoventi (120) persone come abbiamo sempre fatto. E poi non so, io lo chiedo a voi, voi siete d'accordo oppure no?

Carla: Sì, sì, siamo d'accordo. Sì, sì, siamo d'accordo.

Elisabetta: Grazie. Eh, adesso possiamo passare a te, Lucia.

Lucia: La partenza è fissata per le quattordici e trenta (14.30). La barca che dovrà indicare la varie tappe del percorso sarà munita di un altoparlante. Proporrei comunque di navigare tutti vicini e di non dividerci.

Leonardo: Ma il vantaggio quale sarebbe? Non sarebbe meglio dividersi per coprire un'area più vasta?

Lucia: Il vantaggio è quello di non disperderci.

Anna: The final meeting can last all afternoon – and there's still disagreement over what slogans to choose.

Elisabetta: E quali sarebbero questi slogan?

Lucia: Ne ho alcuni. "Il mare ha l'acqua alla gola" oppure "MAREVIVO chiede la vostra collaborazione, oggi, subito. Chiediamo a ciascuno di voi un atto di buona volontà – liberare…"

Leonardo: Scusa, scusa un attimo, questo però ha uno svantaggio notevole…

Lucia: Scusa, ma il problema qual è?

Leonardo: Il problema è che è troppo lungo e la gente perde interesse.

Carla: Sì, sì, sono d'accordo. A me personalmente piace il primo. Eh, se no suggerisco questo: "Unisciti a noi e difendi l'ambiente in cui vivi".

Elisabetta: Guardate, eh…non c'è nessuna soluzione perfetta. Io direi che potremmo sceglierli sul momento.

Lucia: Anche io.

Carla: Allora decideremo sul momento. Eh?

Lucia: Sì.

Leonardo: Sì, va bene, decideremo sul momento.

Elisabetta: Allora mi pare che sia tutto a posto e io spero soltanto che sia una bella giornata piena di sole e con il mare calmo.

Anna: On the day the weather's favourable and dozens of people of all ages turn up to give a hand with cleaning up the seabed and beaches.

Carla: Queste sono le istruzioni.

Anna: Despite the quantity of refuse collected, MAREVIVO feel encouraged: people are not dumping as much rubbish as they used to.

Anna: Signora, mi può dire com'è la situazione rispetto all'anno scorso?

Vox pop 1: Sì, la situazione rispetto all'anno scorso è migliorata perché quest'anno abbiamo trovato le spiagge molto più pulite, l'anno scorso erano più sporche.

Vox pop 2: Quest'anno la situazione sembra molto migliorata o un pochino migliorata. Eh, l'anno scorso raccoglievamo più spazzatura, più plastica, quest'anno sembra che ci siano…ci sia stato più rispetto della…della natura e anche che le persone abbiano portato più cose a casa.

Anna: Sei contenta che ci siano tante persone?

Lucia: Sono contenta che ci siano tante persone. Questo vuol dire che tante persone seguono, ci sentono la nostra voce.

Vox pop 2: A me fa molto piacere che ci siano…ci sia maggiore partecipazione e che quest'anno ci siano più bambini e più giovani all… alla raccolta della… della spazzatura, perché questo significa che c'è, esiste maggiore sensibilizzazione al problema.